Pubblicata il 13/12/2001
Ecco l'opaco mantello
gravar sul mio dicembre.
Un grigio in cui pensieri penetranti
non possono affondare.
Ecco il cielo
del mite capricorno
nato senza l'adorato
sole,
nato per viver di poco,
nato per sentire freddo,
strano per lui,
un segno di terra,
ma questa non è la sua terra.
E' la gelida terra
degli uomini,
ambiziosa,
da questo corrosa,
questo lui
non lo capirà mai.
Un segno di terra
cosa può saperne
di sogni
se non sa nemmeno
qual è il colore del cielo?
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)