Pubblicata il 01/07/2003



La luna naufraga nel buio
del bungalow accanto;
senza cactus in tasca
giro angoli di spiaggia
cercando rigoroso disordine
da imparare a memoria

Un vento senza vetri
a maniche corte
disegna coordinate
per il paradiso;
nel complicato sistema
del tuo sguardo,
mi interrogo
sulla sorte di quei baci
Forse, tra quindici passi
confessero' che ti amo


  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Davvero stupenda, Ali, la sento tantissimo...
Sei grande come al solito...
Fili.

il 01/07/2003 alle 15:40

E' sempre piacevole ritrovarti Fili

Grazie

Ali

il 01/07/2003 alle 23:16
Jul

E' una poesia originalissima che si legge tutta di un fiato! Una ventata di freschezza.
Brava,
Giulia.

il 18/07/2003 alle 16:54

A parte che mi devi una risposta per Aria Diversa, ben più recente :-) questa credo di averla letta ai tempi in altro sito! Ha una esuberanza lirica densa e manifesta...e un finale di bellissima luminosità.
Salutoni Patty.
Max

il 24/09/2003 alle 15:53