PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 28/07/2022
Ormai er Galletto Valle Spluga nun m'arza più la cresta,
dietro la patta 'na gallina sbranata è tutto quel che me resta,
'na pora gallinella afflosciata,
che giusto cor pungolo elettrico ar culo
da l'illusione d'essese rianimata.

Cassandra, io, pe anni, al Club la scambiai con gli scambisti,
e mò m'encolpa a me, se ci ha la sorca piena de cisti:

"è la Spada di Dio, sia fatta la Suo Volontà, venga il Regno Suo,
vedrai, la fiumana de cazzi che m'hai portato
ritornerà dentr'al culo tuo !!!".

In verità vi dico,
lo presagivo che il Signore prima poi m'avrebbe punito,
ma certo non che mi riconvertisse in un Invertito,
temevo il Contrappasso Dantesco,
non quello Frocesco.

Non ebbi scelta, se non de passà al nemico,
e ora, chi prima m'era amico,
me disprezza, me chiama "l'Apostata",
perché non m'appartiene l'Invidia del Pene,
anzi, è il benvenuto sulla Prostata.

Li novi Compari mi vanno invece "Billy the Kid" apostrofando,
non perché sia veloce la mia pistola,
ma bensì così esplosive e scattanti le scorregge che vado schioppando,
che pe schivalle de Kung Fu nun c'è na Scuola,
e lo stesso Bruce Lee me disse:

"e come faccio, te basta move appena 'n mignolo,
ci hai 'n budello che pare 'na bagnarola,
hai solo che da voltatte de chiappe pe fronteggià le risse !!!".

Poiché nella terra natia non fui Profeta,
ma solo catamita,
abbandonai la Patria ingrata,
ove in venti ci si contende il privilegio d'un'inculata.

Verso le Puglie mi diressi, loco alla mia stirpe ancestrale,
ma fin dai primi approcci subbito capii che lì pure me buttava male,

Senza neanche dimandarmi "ma qui quanto costa ?",
in piena campagna,
a due villici esplicitamente del culo mio scoperto feci la proposta,
assumendo la postura della cagna,
ricevendo purtuttavia subbito 'na brutta botta in testa,
seguita da un fracco de legnate,
invece dell'agognata supposta,

assurgendo peraltro a caso umano,
in quanto mi fu rotto
quer poco che ci avevo di sano.

Poco dopo, all'Ospedale, presso l'accettazione del Pronto Soccorso,
all'Infermiere di turno manifestai lo sdegno, con un lungo discorso,
a lungo egli m'ascoltò in silenzio, comprensivo e disgustato,
ma solo alla fine profferì verbo:

"vafangulo, Ricchione imbarzameto,
qui loffio giungi a corromper dei giovani il nerbo,
conduci al Mare, guardando ad Est, ogni tuo peto.".

E l'ardire d'aggiunger ebbe un Cinese, li vicino:

"plego, Signole, vada a cacale !!!"

Le mie parti prese solo un'Inglese, un Baronetto,
che seppi poi esser aduso ad allisciarsi il baffetto,
appena prima d'introdurre il cazzetto !!!
  • Attualmente 2.33333/5 meriti.
2,3/5 meriti (3 voti)

Spassosa :) Ciao Don Lurido

il 28/07/2022 alle 22:14

Grazie Dani14, sono molto contento che persino tu, che hai un bel viso pulito, abbia un po' riso delle mie corbellerie. Ciao.

il 29/07/2022 alle 04:30

Grazie Claus, in ogni caso, ma poiché c'è già stato da parte tua un commento quasi identico ad un altro mio testo, cortesemente vorrei sapere se si tratta di osservazioni ironiche o meno. Qualora lo fossero, niente di male, ci mancherebbe, data la natura della mia "scrittura". Un cordiale saluto. A priori.

il 30/07/2022 alle 02:18

Grazie Claus, gentilissimo a chiarire il mio piccolo dubbio. Ciao.

il 06/08/2022 alle 13:36