Pubblicata il 05/09/2020
C’a coda ‘e l'uocchio
spercio a faccia toja.
me metto scuorno
ma t'aggia guarda' 'o stesso.
si troppo bello,
tu si nu Canova.
e 'o core che mo’ batte troppo forte,
fa cchiù rummore e 'na grancassa,
primma o doppo me fa sgama'.
ce penzo 'ncoppa
e nu maccaturo ‘nterra faccio cade'.
"Signorina, signorina questo è vostro!"
mentre mo piglio
‘e ddoje mane se toccano
e so' scintille lampe e lapille.
nun capisco cchiù niente;
ma stavota 'e sguardo se so’ 'ncruciate
e tutte 'e parole aesceno senza se parla’.
'A vita, ‘a morte nun teneno cchiù senzo:
sulo 'a nuje duje mò pe' sempe penzo.
  • Attualmente 4.42857/5 meriti.
4,4/5 meriti (7 voti)

Stupenda poesia in puro dialetto napoletano che penetra dentro le viscere come una lama tagliente! Complimenti per la spontanea limpidezza dei sensi!

il 05/09/2020 alle 16:35

e l'amore come un colpo di fulmine ...arriva all'improvviso ed incendia ogni tuo pensiero...piacevo lettura.

il 05/09/2020 alle 20:32

E' un gioiello questa poesia, complimenti!

il 06/09/2020 alle 06:58

capita e piaciuta. ciao!!!

il 06/09/2020 alle 10:39

Tu sei nata per amare, il mondo dipende da te, sinceri complimenti e grazie infinite due minuti di felicità!! Grazie di cuore

il 06/09/2020 alle 16:12

DELFINA, grazie infinite per questa poesia in dialetto. Che bello leggerla un paio di volte per capirla e ancora e ancora per gustarla.

il 06/09/2020 alle 19:20

"scintille, lampe e lapille". Troppo forte, bella davvero.

il 06/09/2020 alle 21:19