PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia

Poesie presenti nella categoria: Poesia dialettale

Le Poesie Pubblicate Nell'Ultimo Mese

" E vui durmiti ancora."
Pubblicata il 28/06/2024
Lu sole era già spuntato sul mare,
e la ragazza che amavo, dormiva ancora.
lei, sapeva di avere tanti amanti
sotto alla sua finestra,e tutti
le cantavano canzoni d'amore, tanto era bella!
fra questi amanti,c'ero pure io che aspettavo
che lei si affacciasse alla sua finestra... ed io le cantavo...
"Apri la tua finestra,prima che io vado via,
voglio vedere la tua faccia bella!"
sopra alla sua finestra,c'erano moltissimi fiori,
ma se non la vedevano,avevano tutti la testa a penzolone,
e, solo quando la vedevano,diventavano rigogliosi , belli e profumati,
nel vedere, la sua faccia bella!
e lei, faceva finta di dormire, pur sapendo, che sotto
alla sua finestra,c'erano tanti amanti che le facevano
la serenata.
quanto mi faceva penare sotto alla sua finestra?
ed io, con la mia voce appassionata le cantavo:
"Amore mio! vui durmiti ancora?quanto tempo ancora
devo aspettare per vedere la sua faccia bella?
e le cantavo ancora:
lu sole e già spuntatu sullu mare,e vui amore mio
durmiti ancora?
affacciatevi alla finestra ho bisogno di vedere la sua
faccia bella ,e se non vedo il suo volto bello?
la mia giornata non sarà bella!!

"E vui durmiti ancora.
28-06-2024 Aldo Conte (Eclisse)
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)

Bellissima, amico Aldo! Scritta molto bene! Un abbraccio fraterno!

il 28/06/2024 alle 21:39

C Ciao Morris, c'è una canzone dialettale Siciliana dal titolo(E vui durmiti ancora.) credo che dovresti conoscerla, e se non la conosci ascoltala.Questa canzone è di una bellezza unica e appassionata di un innamorato . credo che non avrei dovuto scriverla,ho sbagliato nel pensiero.Grazie sempre nel dirmi bravo anche quando non è vero.ti saluto con affetto!

il 28/06/2024 alle 22:17

Le Poesie Meno Recenti

A kavalle de nu ciucciarille/Cavalcando un asinell
Pubblicata il 13/04/2019
“Beneditte kuille ka véne nd’u nòme
d’u Segnòre!” , festande ‘a gènde lukkulave
akkugghjènne Gesù ka, a kavalle
de nu ciucce, ndra l’ummene véne
nd’u nòme d’u Segnòre è k’a putènza
d’u Ammòre suje devine perdòne
i pekkate è arrekungilje tuttekuande
‘a umanetà k’u Patre è ke sé medèsme.
Ògge, fèste d’i Palme, u jurne éje
a’ kujéte kunzakrate, ‘na kujéte ka,
puttròppe, nda tanda pajìse nge stace
è ka ce agurame ka kuande prime
pòzza arreturnà kungòrdje e serenetà
nda ògnèddòve d’u munne. U mestére
paskuale ka ògnè anne se kumbjéje
ce arrekòrde kuande klemènde è granne
sìje ‘a ‘Mmòre è ‘a Putènze de Dìje
è i krestjane digne s’hanna rènne
d’u Ammòre suje, kunnevedènne
‘a kujéte è d’èsse tatucce ndra lóre!

“Benedetto colui che viene nel nome
del Signore!”, gridava festante la gente
accogliendo Gesù che, cavalcando
un asino, tra gli uomini viene
nel nome del Signore e con la potenza
del suo Amore divino perdona
i peccati e riconcilia l’intera
umanità con il Padre e con se stessa.
oggi, festa delle Palme, è il giorno
alla pace consacrato, una pace che,
purtroppo, in molti paesi non c’è
e che ci auguriamo che quanto prima
possa tornare concordia e serenità
ovunque nel mondo. Il mistero
pasquale che ogni anno si compie
ci ricorda quanto clemente e grande
sia l’Amore e la Potenza di Dio
e gli uomini devono rendersi degni
del suo Amore, condividendo
la pace e la fratellanza tra loro!
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (2 voti)