Pubblicata il 07/04/2020
intessere una tela di ragno che si svelerà nociva per carnefice e vittima
questa è la condizione della seduzione
bestialmente legittima
architetture barocche che non sorreggono nulla
artifici di ottica sospesi a distrarci dalla terra brulla
così lucenti, appiccicosi, fugaci,
così volgarmente auspicati...
desideriamo ardentemente baci ed ebbrezza
e quando finalmente quel virtuale si realizza
quando la preda s'invischia
nella bava carnale e s'impiglia
il predatore si sfama con foga
e sogghigna
accorgendosi tardi
d'esser rimasto di nuovo
col Vuoto
per gogna

si rivela silente
così
la voglia maligna:
'ché mai si compensa
la vita da bestia
che fa l'esistenza
sanguigna
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (4 voti)