Pubblicata il 23/03/2020
u munne de ògge éje u munne
d’i mòmmabbìje, pure si kuille ka
ne ndènen’u desprezzèjene pekkè,
sekònne lóre, ‘a prjèzze nen dace
ma, fórze, ne nzanne kè ‘a mesèrje
chjù nzuppurtabele rènnene. Mbatte
sckitte i ngungludènde u pènzene
pekkè mòmmabbìj’è babbigne nze fanne
kumbagnìje. Èppur’i mòmmabbìje
dinda sakke ‘a sekurèzze te danne
de èsse dappettutte ’a kasa tuje
è t’asciukene i lagreme mèghje
de nu makkature. I mòmmabbìje
manghe ‘na sutesfazjòne danne
si s’adda fatekà p’u avè pekkè
si kunde i òcce tuje de sedóre
timbe ne ndine d’u spènne è nè d’u kundà.
lóre sònne ‘a chjave p’arrapì ògnè
pòrte; sònne kum’a l’arje: nzinakkè
ce stanne ne nde n’akkurge. È i banghe,
facènne finde ka stanne, c’i krèjene
d’ò ninde, pròbete kum’è kuille
d’i falzarje, pe prufitte avè.

il mondo di oggi è il mondo
del danaro, anche se quelli che
non lo hanno lo disprezzano perché,
a dir loro, non dà la felicità
ma, forse, non sanno che la miseria
rendono più sopportabile. Infatti
solo gli sciocchi lo pensano
perché quattrini e cretini non si fanno
compagnia. Eppure il danaro
in tasca ti dà la sicurezza
di trovarti dappertutto in casa tua
e ti asciuga le lacrime meglio
che un fazzoletto. Il danaro
non dà alcuna soddisfazione
se si deve lavorare per averlo perché
se conti le tue gocce di sudore
non ti dà il tempo di spenderlo né di contarlo.
È la chiave per aprire tutte
le porte; è come l’aria: finché
c’è non te ne accorgi. E le banche,
fingendo che ci sia, lo crea
dal nulla, proprio come quello
dei falsari, per trarre profitto.
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (4 voti)

Troppa verità nel tuo bellissimo e profondo pensiero ma, la consapevolezza che nulla tu puoi cambiare mette in condizioni la bocca di tacere e ,come pecore andare...

il 24/03/2020 alle 09:28

A volte il silenzio non vuol dire comportarsi come pecore perché a ben sentirlo urla più d'ogni essere vivente verità che vediamo e non condanniamo.

il 24/03/2020 alle 18:42

Insegnami ti prego ,oltre il silenzio come reagire???

il 25/03/2020 alle 08:56

Riflettiamo su ciò che siamo stati e ciò che siamo oggi. Forse potremmo trovare la vera essenza della nostra vita terrena senza badare alle idee che spesso mettiamo per iscritto e che diventano testamento del nostro passaggio.

il 27/03/2020 alle 11:23