Pubblicata il 17/11/2019
Io non so
come frana la notte
con le sue lunghe gambe d'opale
incantata di rossa nebbia
la sento nell'orecchio ronzare

mi sospiro ingorde insonnie
a declinare un'alba molle
( che non sorga! sotto le palpebre
mi fa male )

ne' so
come il buio s'esprime
( forse in dolcezza )
mi raccoglie immobile
nelle sue mani di grano.
  • Attualmente 3.33333/5 meriti.
3,3/5 meriti (9 voti)

Bella...

il 17/11/2019 alle 16:53

Grazie felice sera :-)

il 17/11/2019 alle 17:24

raffinata e bella poesia...complimenti

il 18/11/2019 alle 11:20

Gentilissimo Felice sera

il 18/11/2019 alle 13:32

Sottile malinconia notturna, veramente sentita

il 29/04/2020 alle 00:33

Mi hanno fatto veramente piacere le tue letture! Davvero grazie...ma perché non scrivi più...a presto leggerti

il 29/04/2020 alle 08:42