Pubblicata il 15/09/2019
"Una serpe
di ambrata tintura
mi rasenta
la schiena nuda,
s'avvicina
lenta lenta
alla mia nuca
e mi stringe
senza alcuna premura
in una fredda armatura.

mi sibila parole
di arcaico sentore,
ma una frase
spiccava fra le altre:
sei forse tu
il peccatore?"
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (4 voti)

piaciuta! :-)

il 19/09/2019 alle 10:50