Pubblicata il 27/03/2019
Sópe a ‘na sugiulèlle assettate
annanze a’ pórte i jurne passave
tremendènne ‘a gènde ka kammenave.
jéve ò’ passate è k’u resarje ‘m’mane
jakulatórje è grazjune sbjascekave:
mammeme suffréve è nesciune u sapéve
pekkè d’a vókke maje nu lagne ascéve.
kume s’avezave u prime penzire
p’i figghje è p’i neputine éve;
kakkèvvóte sènze ka se n’akkurgéve
decéve:«Pare ajìre ka krjucce èvene!»
nu jurne annanze a nu tarature ’a vedìje,
a ndò tutte i rekurde nghjuse tenéve,
ka ke tande ammòre i retratte vasave:
de ki kambave è de ki chjù ne nge stéve.
allà tutte u rumanze d’u kambà suje
assaje bune ammucciate tenéve!
nda kuatte è kuattótte s’u leggìje...
ma unuà ‘na lagreme i scennìje
da l’ucchje, mbusse akkume è paparèlle
kuanne nda nu lavaróne se mènene,
ka da punde a kuèlla stórje facìje.

Sopra una sediolina seduta
davanti alla porta passava il tempo
guardando la gente che passeggiava.
ricordava il passato e con il rosario in mano
giaculatorie e preghiere biascicava:
mia madre soffriva e nessuno lo sapeva
perché dalla bocca mai un lamento usciva.
come si alzava il primo pensiero
ai figli e ai suoi nipotini andava;
a volte senza accorgersene
diceva:«Sembra ieri che erano bambini!»
un giorno la vidi davanti ad un tiretto,
dove teneva rinchiusi tutti i suoi ricordi,
che baciava con amore tutte le fotografie:
di quelli vivi e di quelli morti.
lì il romanzo della sua vita
ben nascosto teneva!
in men che non si dica se lo lesse...
ma all’improvviso una lacrima scese
dai suoi occhi, bagnati come le ochette
quando in una pozzanghera si buttano,
che mise fine alla lettura di quella storia.

  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)