Pubblicata il 25/03/2019
-Intenso il cielo d’azzurro mantello
e il sole accecante asfodelo
s’amano nel silenzio complice
d’un gemmare improvviso di glicine.
-Folle ondeggia ninfea l’anima
grido sordo d’innocente posa
la sua ingenuità ad intima lama,
smarrisce voci d’instabile farsa.
-Far la differenza è questa l’urgenza intima
che imbavaglia il pensiero in coma?
-Liquida durezze a sorpresa la preghiera,
plana languida, silenziosa musa
su portali immaginari che irridono a resa
che sia questa la vera primavera?
-Sembra confabulare l’arcobaleno in festa
ma l’alba gelosa ingoia la risposta.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (6 voti)

Notevole musicalità poetica in questi bei versi

il 25/03/2019 alle 20:22

Molto Bella la chiusa

il 26/03/2019 alle 04:56

Gentili! Vi ringrazio del tempo e dell'attenzione dedicatami!

il 26/03/2019 alle 23:39