Pubblicata il 14/03/2019
Nel cielo
di cemento e confetti
uno scorpione di nuvole nere
coglie di sorpresa la luna e la divora

il Sole, di spalle
da uno specchio vede la scena
e la copre
col suo fumo di pipa
poi sputa a terra qua e là
si fa un selfie
e lo spedisce a chi ha sete
o a chi nuota disperato nel fiume

gli alberi allertano fruste
alla fiera dei loro diamanti
atterriti da questo mese pazzo
con mille farse agli imbrogli

sulle spalle dei vecchi
una bilancia a propendere
tra pietre e fiori gelati
e un taccuino
inutile la segnare la pesa
--------------------------------------
da:Soste Precarie
  • Attualmente 1/5 meriti.
1,0/5 meriti (1 voti)

Notevole creatività in questo spunto poetico di magnifica lettura

il 14/03/2019 alle 17:25

grazie...michael

il 14/03/2019 alle 19:01