cri
Pubblicata il 12/04/2018
Nervoso e assetato rovisto
oltre tremanti cancelli di silenzio
nella coltre velenosa dell’inespresso
a semi di illusioni avvincendomi.
virano scomposti fantasmi di luce
su pianure di occhi orlati
d’ataviche e ondose lacrime
nulla è pneuma di speranza
tra rattrappite fenditure di Cronos
sola si staglia tra i respiri
un’infantil eppur matura abulia.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)