Pubblicata il 12/03/2018
Sfioro di te
il tramonto di te
le prime luci di te
le tue parole come brezza
di primavera e coriandoli a dicembre

ma se di te poi è un segmento
d'ombra inaccessibile e infinito
muto, ermetico, violino nero al muro
che sul giaciglio folle dei tuoi anni implode
e suona immune da ogni uomo e segno
in quel tuo vecchio... cassettone

È chiuso a chiave

e oltre il mare
silenzio
sale

e se di me
è il dolcissimo rumore
duro al fuoco.di quel pugno
nel mite incastro del mio cuore

e ti ho amata
sapendo prima il tutto

e ti ho amata
oltre luce che infinita
per un centimetro di fuoco
sul ramoscello che rincorro
per dar colore a questa vita
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)