Pubblicata il 02/11/2015
"Quando il mio buio verrà
improvviso, come un tramonto d'Africa
estenuante, come un inverno boreale
sarà un fratello ritornato,
sarà un amico ritrovato
al suo abbraccio
mi offrirò senza timore
aperti braccia e cuore
scordati affanni e dolori
lascerò nella terra
questa greve tangibilità
per presto divenire
seme di tarassaco
disperso nel vento
dal soffio giocoso
di un bimbo
nell'ultimo palpitar di ciglia
porterò con me:
notti d'Australia,
pregne d'eucalipto e cicale
un granchio nero in fuga
su rocce battute dall'onda
neve e pioggia intrecciate
in danza di gelo
un viale di palme in rete di luci
e stelle,
stelle a milioni
mute testimoni
di carezze in fuga"
  • Attualmente 4.2/5 meriti.
4,2/5 meriti (5 voti)

Ottimi versi

il 04/11/2015 alle 12:53

Uno scritto pregno di sentimento e nostalgia. Ho apprezzato molto questa tua poesia. Un saluto. Ioria

il 05/11/2015 alle 11:16

Grazie a tutti per i commenti e l'attenzione.

il 05/11/2015 alle 14:46

Tramonti d'Africa e notti d'Australia, per un seme di tarassaco... bellissima!

il 09/11/2015 alle 11:20

Buio dove filtrerà immensa luce...profonda colma di serenità interiore..un sospiro di sole...

il 18/11/2015 alle 23:02