Pubblicata il 26/05/2009
Conosco una donna che vive
nel folto di un incalzante silenzio,
accarezzando le palpebre del tempo,
spingendo lo sguardo verso il sole:

vede i millenni scorrere ai suoi piedi
come un fiume di uomini e parole.

Attraversa secoli alberati
con le scarpe bianche di solitudine,
condivide i sonni delle colline
masticando pane di trincee.

Ogni sera, discorrendo
con le ceneri dei suoi sogni,
spinge la mente oltre la luna
e con sguardo di sagittario trafigge
il limitare di un cielo addormentato.

Di quanto pane, di quanto pane ancora
si dovrà privare
per raggiungere l'altezza delle stelle
rifuggendo il vuoto di abitudini?

Quanto mare,
quanto mare dovrà ancora svuotare,
col cavo delle sue mani,
per giungere alla pace degli abissi?

Ogni notte, quando il pensiero
del sonno l'impaura
come un ronzio d'alveari immobili,
chiude a chiave la sua mente
paventando la comparsa della morte,
a depredare ricchezze di ricordi

Nella notte silenziosa qualche volta sogna.
Sogna d'essere musica negli atri del cielo
a consolare il pianto dei tramonti.

Ascolta, cupo silenzio dei monti:
un giorno lei scriverà una canzone,
la riverserà sui popoli senza prospettive.

Sarà come la manna del deserto.
Sarà acqua di nuvola sottile.
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (3 voti)

Quale commento potrebbe essere all'altezza di una così splendida poesia?.Un saluto.T.

il 26/05/2009 alle 16:12

Solo UNA donna ha vissuto e continuerà a vivere così...
Un caro saluto,
Pau

il 26/05/2009 alle 17:35

bella! se è vero che l'ombra della poesia è un riparo e un rifugio da qualsiasi tempesta, dopo la lettura dei tuoi versi ti senti finalmente giunta in un porto sicuro...

il 26/05/2009 alle 18:42

BENTORNATO MAESTA'
si sentiva la sua mancanza illustrissima...

il 26/05/2009 alle 19:47

Decisamente una tra le più belle questa. E mi mancano ancora tante ancora da leggere...
Sono un po' fermo perchè mi trovo molto indaffarato in questo periodo, tanto che riesco a leggervi soltanto a tarda sera e non sempre.
"le scarpe bianche di solitudine"...
"masticando pane di trincee"...
ecc... ecc... Questa me la posto tra le preferite..
Un abbraccio Fabio

il 27/05/2009 alle 00:29

benvenuta miss...

il 28/05/2009 alle 05:58

ah! meno male..dopo la comparsa del PRINCIPE stavo quasi pensando di prendermi una lunga vacanza...ma dove andare..se non su poetic??? qui mi sento a casa... grazie ai tuoi commenti.
Grazie Fabio.

il 28/05/2009 alle 06:00

splendida ,ciao anny,cate

il 29/05/2009 alle 10:58

si è inventato anche un altro nik per commentarmi negativamente..sappia PRINCIPE, che io sono tra le autrici più copiate NON SONO ABITUATA A COPIARE MA SONO STANCA,INVECE, DI ESSERE COPIATA!

il 04/06/2009 alle 14:02

ciao deamor questa poesia darti 5 é poco perché non ha pari a tante da te scritte ..nel leggerla ho avuto brividi di freddo.. perché in essa cé profondità di mente, cé sentimento.. cé tutto quello che un uomo o una donna prova... nella solitudine della vita!! un abbraccio tvttb radiosa

il 16/06/2009 alle 14:01