Pubblicata il 29/04/2009
Scimiottando il mio compare
mi ritrovai, todavia
in casa del signor Arturo
reggia o loculo che fosse
con i guanti da lavoro
ammalati di pellagra
ed una madia
in stile avantidio.
Un filo giallo, a quel punto
di granturco macinato
formava le tue impronte
e tutto il mio corpo
si tendeva oltre il brusio
di voci incagliate
fino ai tuoi padiglioni
lucidati a specchio.
E il signor Arturo
quasi un fratello ormai
in groppa ad animali antichi
m'indicava il sentiero.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

molto bella, mi piace in particolare il pezzo "in casa del signor Arturo
reggia o loculo che fosse"

il 29/04/2009 alle 16:47

brechtiana, da rich

il 22/04/2010 alle 18:15