Vedi tutte le Poesie scritte da michaelsanthers dell'ultima settimana

Pagina aggiornata il: 15/11/2018 07:20:29
Metropoli
Pubblicata il 12/11/2018
Ognuno un globulo
tra milioni
e alcuni escono
dalle ferite
e si perdono per sempre

lamiere a involucri
di cuori ghiacciati
verso alveari
senza Regina

luci, tante luci
per leggere il progresso
sempre nel passato
tracima dalla storia
schiacciato dalle suola

attori e comparse
senza pubblico
recitano a se stessi
al bancomat gli applausi

lavanderie con le croci
e campane a spronare candeggi
tra il soffio di parole alate

vita e morte
non contrapposte
la differenza la fa un dado
pescato dal cielo

vagiti e numeri depennati
oscuro senso
alla meta
---------------------------------
da:Soste Precarie
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (6 voti)

Bella!

il 13/11/2018 alle 00:12
Stelle A Novembre
Pubblicata il 11/11/2018
Una notte giocata dalle stagioni
le stelle,marenghi d'oro
e i mendicanti provano invano a prenderle
poi le additano a una a una
e le spendono per la pace

quanti lumini dicono i bambini
le puntano col naso
e cercano di spegnerle
ma qualcuna cade
con un dente da latte
tra il fischio di un sorriso fessurato

figlie clandestine del sole
con occhi senza facce
nel buio di una prateria
catturate dagli implori
riscattate dall'infinito

esche nel mare ai pescatori
abbocca la solitudine
e una preghiera le riporta al cielo

sono corpi celesti
dice lo scienziato
ma nessuno esclude
siano la luce dei sogni
o forse sono candele dei nostri avi
che cercano di illuminare
le nostre anime smarrite
--------------------------------------
da:Destini E Presagi
www.santehrs.com
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (4 voti)

Sempre grande

il 11/11/2018 alle 07:38
Pubblicata il 09/11/2018
Novembre ha la faccia del declino
e l'arte di una donna
che lenta incespicando
si spoglia in un bordello
-è un ubriaco che s'abbevera dei giorni
e va a letto dopo un decotto di cipressi
-è un avaro che colleziona anime
pagate con le foglie
-è un cane senza padrone
scodinzola a ogni mano
che esce dal letargo delle tasche
e al nulla abbaia minaccioso
a chi solo si scusa
-Novembre, un ponte
tra un campanile e una preghiera
per far passare addii senza voce
-è un baule pieno di malinconia
spedito al sole che sorride
oltre l'orizzonte
-----------------------------------
da:Soste Precarie
www.santhers.com
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (3 voti)

Sempre bella la tua poesia, mi piace molto il baule pieno di Malinconia.. Leggi la mia il secchio blu

il 09/11/2018 alle 07:27