PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 29/09/2023
occhi spenti, vacui e vacanti
a guardare il nulla nel nulla
era stanca del tirare avanti
e osservava la bimba e la culla

i passanti le passavano accanto
senza manco degnarle un’occhiata
e nessuno ascoltava il lamento
di una nera di stracci vestita

dalla guerra era appena scappata
per cercare una vita migliore
la sua piccola da poco era nata
ed il pianto le percuoteva il cuore

ad un tratto un vecchio barbone
si avvicinò alla donna umiliata
e le disse : prendi è un pezzo di pane
e le offrì un po' di aranciata

poi si tolse il cappotto cammello
tieni sai la notte il freddo si sente
non è nuovo non è neanche bello
ma è caldo ed è meglio di niente

guardò il vecchio quante rughe il suo viso
il cappotto accettò e prese il pane
il suo pianto trasformò in un sorriso
disse: “Ubuntu”e ringraziò quel barbone.

290923
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)

Umanità e condivisione. Molto bella

il 30/09/2023 alle 10:13

Grazie Morris, ciao.

il 01/10/2023 alle 12:43