PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 27/03/2023
Giocavamo nel cortile
con i gusci delle noci,
formando anticorpi di ricordi
con i raggi del Sole.
Quel vociare segnava il confine
con altri piccoli angeli,
e l'armonia riempiva le mani
all'adunata come fossero gemme.

Erano i cieli d'infanzia
privi di scarpe,
crescevano a fette con i semi
dell'aria,
riconoscibili adesso
sotto forma di piante.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (9 voti)

Scrivine ancora di queste piante cresciute in te a tua insaputa.

il 27/03/2023 alle 13:09

ottima ,mi ricorda l'infanzia, ormai moltissimi anni fa. Ciao.

il 27/03/2023 alle 13:37

Ne scriverò ancora perché sto cercando di scrivere della mia infanzia. Grazie Benandato e mitri.

il 27/03/2023 alle 13:48

Piaciuta

il 27/03/2023 alle 13:51

Grazie.

il 27/03/2023 alle 13:52

Grazie Asia.

il 27/03/2023 alle 16:14

Testo molto bello in questo tuo viaggio alla ricerca del tempo della tua infanzia. Complimenti.

il 27/03/2023 alle 19:44

Ottima composizione, molto nostalgica

il 27/03/2023 alle 20:57

Grazie Renato e Mirkierito per il vostro commento.

il 28/03/2023 alle 07:56

Ci lamentavamo, e avevamo tutto il mondo fra le mani, oggi che abbiamo tanto sentiamo manca queell'ingenua dolcezza che ci rendeva felici senza saperne il perché Tonino

il 28/03/2023 alle 10:32

Hai ragione e non sai cosa darei per tornare indietro nel tempo. Grazie Tonietto50.

il 28/03/2023 alle 10:55

Poeticamente dolcissima e bella, come i ricordi che si amano.

il 29/03/2023 alle 09:37

Grazie Lucy.

il 29/03/2023 alle 21:23

Grazie Catilina.

il 01/04/2023 alle 08:12