PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 12/04/2013
Lo sguardo perso
malfermi sulle gambe,
aiutati da volontari,
in qualche passo di danza,
sul volto una felicità infantile.
mamme, papà, nonni,
confinati nell'isola vecchiaia,
mentre fuori è primavera,
l'ultimo ballo di questa vita.
  • Attualmente 4.25/5 meriti.
4,3/5 meriti (8 voti)

triste...dipinge un lato dell'esistenza che c'è e che profondamente mi rattrista...bella però gianni, ciao^^

il 12/04/2013 alle 17:29

Esserci comunque, fino all'utlimo. Hai reso tutto molto "gentile", Bella. ciao

il 12/04/2013 alle 21:39

Bellissima! abbracci,patty

il 12/04/2013 alle 21:39

Un'immagine bella e commovente che tocca un poco tutti....un cammino universale. Bravo gianni, molto gradita. Un abbraccio!...

il 13/04/2013 alle 15:02

grazie dei commenti amici.

il 13/04/2013 alle 17:18

caro gianni,questa tua poesia dolce e triste,merita di essere votata ,la sento un po'anche mia,una realta' che quasi mi appartiene,bellla.marinella

il 13/04/2013 alle 19:31

tristestemente attuale ma l'importante e' esserci ,ciao

il 14/04/2013 alle 18:56

Bella, ma triste

il 30/04/2013 alle 18:14