PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 13/12/2011
Giocavo a pallone assieme ad amici
Tutti bambini di 13anni
Pieni di vita
e sorrisi per essa
I salici piangenti costeggiavano il campetto
Dio volle
che la palla
finisse proprio
sotto uno di essi
Feci per raccoglierla
E sentii una voce
C’erano dei ragazzi più grandi
seduti li sotto
Invisibili a noi
per la capanna di fronde
Li conoscevo
Ci conosciamo tutti
nel quartiere popolare
Il più capellone mi disse
:-Amico vieni un attimo qui, ti voglio dare una cosa:-
Buttai la palla agli amici
e restai con loro
Come la spina di una rosa
L’ago mi entro nel braccio
Poi
solo vomito
e giramenti di testa
Ancora vomito
e pianto
Non sapevo del mondo
e del suo male
Venne la calma
nella mia anima
Vidi
con occhi più belli
tutto il creato
E da quel giorno
iniziai ad avere paura
di tutti voi!
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)