Vedi tutte le Poesie lette da gpaolocci dell'ultima settimana

Pagina aggiornata il: 20/07/2018 08:50:38
Progresso
Pubblicata il 19/07/2018
Gli anni doro d'Italia?
gli anni settanta!
l'era industriale!
il progresso che avanza!

la macchina?
la 500!
la 127!
l'alfetta sport!
la bella lambretta!

la lavatrice ed il frigo!
il maiale fresco e bello!
gli insaccati!
i dolci!
al contadino:
diamo il sombrello!

il lavoro sicuro:
la Fiat!
l'olivetti!
la Ferrero!

addio paese mio hai monti!
addio campagna misera!
il trattore!
la squoti raccoglitrice!
addio bracciante!

gli anni ottanta?
lacrime e sangue!
la catena di montaggio!
il progresso robotico!

mille han perso:
il loro lavoro!
cambiali perse!
case smarrite!

anni 1990?
le cooperative!
i centri commerciali!
addio piccolo artigiano!

anni 2000?
futurama informatico!
google!
amazon!
le piazze virtuali!

poca socializzazione:
in piazza!
forse ti richiamo!
2020?
un robot produce l'essere!
l'umano lento muore!
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)
cri

Non so se le possa fare piacere ma questo suo verseggiare mi riconduce a Rino Gaetano. E dal mio punto di vista è davvero un complimento.

il 19/07/2018 alle 11:11

Grazie un saluto

il 19/07/2018 alle 11:41
Confusione
Pubblicata il 18/07/2018
Se dormo o son desto
m'imbroglio maldestro
co li sogni selvaggi
me trovo ne la giungla
e qualche leone faccio fori
poi ad occhi aperti
e ben sveglio
ancora russo
e son fuori uso.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Il tuo dormire è parecchio agitato!!!

il 18/07/2018 alle 21:37
cri

In realtà russare non significa essere fuori uso, almeno a mio avviso. Diciamo che può essere visto come una colonna sonora al servizio di un ricamo onirico sempre avvincente. Non è tempo morto il sonno, è tempo usato sia pure con il primato dell'inconscio. Buona giornata.

il 19/07/2018 alle 11:14

I sogni sono belli anche come la tua descrizione

il 19/07/2018 alle 12:23
Pubblicata il 18/07/2018
Chi non mi segue
non mi ama
in fin dei conti
chi sono
per essere amato?
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Per essere amati bisogna amare, altrimenti l'amore è un sentimento sconosciuto e non si può ''riconoscere'' ciò che non si ''conosce''. ''Beato me che riamato amo'' diceva William.......

il 18/07/2018 alle 21:47
cri

Chi è per essere amato? Un uomo. Sono d'accordo che per essere amati si debba amare come ha detto chi mi ha preceduto ma anche sul fatto che vi sia più gioia nel dare che nel ricevere.

il 19/07/2018 alle 11:16

Per chi è altruista ed ha l'amore nel cuore, si.

il 19/07/2018 alle 14:33
stradivari
cri
Pubblicata il 18/07/2018
Lieve ti sia sempre 'l comporti delle mie mani
legno che a me giugnesti in candor divino
perch'io a modellarti avessi per suoni sacri e profani
e la tua informità mutassi in tenero violino.
in te dolcezza di torrone odo e maestà di torrazzo
germoglio vivo figliuol del suol di Cremona
austera melodia oppur di capriccio se' tu sollazzo
in quel vibrar di corde ch'indomito suona.
a guisa del lieto scorrazzar del timido coniglietto
viaggia su te il sempre gravido archetto
il liuto tuo sempre recar sappia qual orgoglioso e inesausto fiato
di Stradivari 'l gaudio che un di' t'ebbe creato.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)

piaciuta :-)

il 19/07/2018 alle 12:55
cri

Grazie

il 19/07/2018 alle 13:08
cri
Pubblicata il 18/07/2018
D'orfica magia custode o schiavo
d'arcan le mani mie serban il complice scavo
in seducenti anfratti di inquieto prestigiatore
che dell'inconsueto orfan e del sorprendersi ahimè muore.
or gaudete astanti all'illusorio taglio della gentil modella
ch'in succession di scatole compiaciuta giace,
la spada le membra sue fende in guisa di carezza
e svelerassi ancor l'incanto qual strenna e face.
che carte sien o coniglio che dal cilindro affiora
' l mio travaglio sempre sarà stupirvi ancora
"Sim sala bim" invan di rinvenir il trucco cercherai
ch'ei celato regna e 'l capo suo emerger non fa giammai.
silvan ho nome, mi rivelo svelo e celo
e in penser mio a null'altro ch' a novelli giochi anelo
in te serba, t'en prego, di maraviglia e riso fiocchi
ch'in applausi io ti chiederò dianzi ai miei occhi.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Alcuni tuoi scritti sono come flash di ieri rivisti oggi ha colori,bravo

il 18/07/2018 alle 15:55
cri

Grazie, sempre molto gentile.

il 18/07/2018 alle 18:37
willy il coyote
cri
Pubblicata il 17/07/2018
Per l'impervie montagne sempre m'anniderò
mille e mille volte a me s'offrirà traditor 'l precipizio
ma certo stanne intonso risorgerò
chè di pugnar con iella serbo 'l vizio.
cartone son però della vita metafora lucente
doman sia speme s'a busse ti pigli 'l presente
beep Beep di star su te col fiato chiedo l'energia
e afferrarti sarà vana eppur seducente mission di vita mia.
ch'il viver, il so, altro non è ch'inseguire
ciò senza 'l qual t'è compagno l'abitual soffrire
erta è la strada, ma esister l'imperativo
il proibito germoglio coglier che però rendeti vivo.

  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)

Fantasiosa e quindi apprezzata

il 17/07/2018 alle 21:25

Seppur fragile Willy riusciva sempre a fregare il male

il 19/07/2018 alle 08:49
cri

Eh sì', è uno che si rialza sempre anche se conosce mille sconfitte, una vera lezione per l'uomo.

il 19/07/2018 alle 11:50
Padre nostro
Pubblicata il 16/07/2018
Dacci oggi
il nostro Putin
quotidiano.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Piaciuta

il 16/07/2018 alle 21:11
Pubblicata il 17/07/2018
Cirri ondeggiano levismi serici
come a voler coronare candidi frenuli
d’antichi giochi amanti, torsoli pudici
cocche dal flessuoso silenzio ambrato
corpi crudi, nenie levigate a trama di nimbo
fluttuante come mantra sbocciato d’incanto
dal grande alveo ove pigiati i sensi
a succo grondante d’elisio
si serrano corpi franchi all’unisono
senza più freni in un sol vasto
paradisiaco talamo.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)
cri

Vi è un buon linguaggio ricercato, direi un buon componimento, un verseggiare robusto e disinvolto.

il 17/07/2018 alle 18:44
Avevo un gatto nero
Pubblicata il 17/07/2018
Nero, nero,
tu l'avevi bianco
con te non parlo più.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (2 voti)
willy il coyote
cri
Pubblicata il 17/07/2018
Per l'impervie montagne sempre m'anniderò
mille e mille volte a me s'offrirà traditor 'l precipizio
ma certo stanne intonso risorgerò
chè di pugnar con iella serbo 'l vizio.
cartone son però della vita metafora lucente
doman sia speme s'a busse ti pigli 'l presente
beep Beep di star su te col fiato chiedo l'energia
e afferrarti sarà vana eppur seducente mission di vita mia.
ch'il viver, il so, altro non è ch'inseguire
ciò senza 'l qual t'è compagno l'abitual soffrire
erta è la strada, ma esister l'imperativo
il proibito germoglio coglier che però rendeti vivo.

  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)

Fantasiosa e quindi apprezzata

il 17/07/2018 alle 21:25

Seppur fragile Willy riusciva sempre a fregare il male

il 19/07/2018 alle 08:49
cri

Eh sì', è uno che si rialza sempre anche se conosce mille sconfitte, una vera lezione per l'uomo.

il 19/07/2018 alle 11:50