Vedi tutte le Poesie lette da ninomario dell'ultima settimana

Pagina aggiornata il: 21/10/2018 21:49:37
Falso ricordo
Pubblicata il 21/10/2018
Spirali di pensiero
m’avvolgono,
mi chiedevo se fossi tu
o fu un falso ricordo.
rotolante, scende lentamente,
m’invade l’anima,
spirale lenta cui non rifuggo,
mi penetra.
eri tu? O un falso ricordo?
come un’ossessione,
scivoli a valle,
quando non me lo aspetto,
bussi, percuoti, vuoi entrare.
nessun sibilo,
solo un falso ricordo!
ma eri tu?
nel vortice delle emozioni
persi me stesso,
fulgide labbra da sfiorare,
brilla la tua luce dentro,
mi riconduce a te ch’io non voglio!
dimmi! Sei un falso ricordo?
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)
garruli dolci
Pubblicata il 17/10/2018
Continua a crescer gente
che parla parla
fra un lecca lecca e l'altro.

logorroicienonsolonms17ottobre2018
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (3 voti)

yess piaciutissima :-)

il 18/10/2018 alle 11:37
A colloquio coi vip
Pubblicata il 30/09/2018
e poi mi disse un beato:
vivrai felice e contento....
un corno ch'è stato
or sol mi rimane lo scorno
d'un faticoso inutile passato.

epoverràpureilgiornodelgiudizionms300918
  • Attualmente 3.75/5 meriti.
3,8/5 meriti (4 voti)

le bugie hanno le gambe corte e noi....... più corte di questi....amichevole saluto Gabriela.

il 01/10/2018 alle 06:51

INDELEBILE AFFETTO ninomario

il 01/10/2018 alle 12:23
Nuovi Canti Millenari. - 3 -
Pubblicata il 20/06/2014
giungono nei pressi dell’ accampamento e sentono
delle voci squillanti che sembrano del tutto simili
a quelle delle loro femmine quando chiamano i bambini

ma oggi un bambino nero seduto sulla valigia
del padre gli dice che ha fame come quello che è

come nel loro villaggio e rimangono un attimo inquieti
ma la voce della Sentinella grida un ordine che non
ammette esitazioni e si lanciano sugli sprovveduti

stanco sulla valigia di cartone del terrone a Torino
e il loro lamento sale al cospetto della barba di Dio

che tutto si aspettavano tranne un attacco di esseri
che negli ultimi istanti di vita apparivano del tutto
simili a loro con braccia mani e piedi e occhi spietati

il quale perplesso non riesce a capacitarsi del comportamento
degli uomini ai quali credeva di aver donato l’ intelletto

adesso nell’ accampamento del nemico o ritenuto tale
scorre soltanto il sangue ed aleggia un alito di morte
che appare diverso a quei primordiali esseri umani

oltre alla vita e decide di ritirarsi un momento per
capire se sia stato un errore la creazione dell’ uomo

perché è la prima volta che nella storia dell’ umanità
esseri umani uccidono altri esseri umani ma loro non
lo sanno e sembra che volteggi nell’aria una strana sensazione

si ricorda allora dei fatti accaduti in quel posto chiamato
eden ed il volto barbuto si dispiega in un dolce sorriso

che impareranno a conoscere con il nome di sterminio
e che più tardi gli ultimi chiameranno genocidio
perpetrato tranquillamente e senza ritegno nel nome di un Dio

gli uomini impareranno e capiranno ma avranno bisogno
di tempo concediamogli allora tutto il tempo che vorranno

la Sentinella si aggira in preda a un sentimento di cui non
conosce l’ origine ma che gli uomini che verranno in seguito
impareranno a conoscere e ad abituarsi cioè l’ angoscia

il tempo è passato e sono trascorsi i secoli durante i quali
la vita dell’ uomo è trascorsa uguale sempre in assoluto

.........(continua).........
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (3 voti)

Interessanti i tuoi canti. Lode a te.

il 02/07/2014 alle 13:25
Il parto dei nembi
Pubblicata il 08/07/2013
Chi soffia quel vento, chi lo violenta?
la mente dell’uomo che attende;
sala fredda languido bagliore di neon intermittente
notte lunga notte afosa notte di cieca luna.

scuro il cielo accorpa cadaveri grigi
consumati dall’incendio d’un sole d’estate rovente
aria fetida di morte bruciata ammorba i sensi
e l’ora s’addensa al minuto ed il minuto dilania il secondo
tutto in una ciclica danza di rinnovabile fine.

boom! Rantolo cupo corre come topo nel buio
che sfuggito ad un lampo felino si schianta
tremando e tramortendo i vetri di finestre opache
boom! Ancora dopo un saettante colpo di luce
il rombo tonante che avvolge l’immensità scura.

la terra apre le sue cavità pronta a ricevere vita
gocce d’acqua cadono frenetiche battendo violente
un amore dolorante che scava la pelle sabbiosa
e su tutto il levarsi d’un grido rosso di vita sanguigna
e insieme l’imponenza del vento e il roboante schiocco celeste.

un uomo abbraccia la vita
lacrime inondano il tempo al soffiare del vento;
nembi divergono partorendo fasci di luce e
albeggiando finisce la cacofonia temporalesca.

22/06/13 A.G.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (3 voti)

Lo so mi ripeto e te lo ripeto: sei un genio! Ma che bella, Andrea!... Un grande abbraccio,pattycara

il 08/07/2013 alle 07:29

notte lunga notte afosa notte di cieca luna.....ah! quanto è vera questa Notte da te descritta!

il 08/07/2013 alle 09:43

Descrizione di una disastrosa armonia "Il parto dei nembi "di una profondità estrema..Andrea,. Marygiò

il 08/07/2013 alle 12:18

sei come il tonno ,insuperabile non ti offendere perche' non e' offesa,un salutone

il 08/07/2013 alle 16:35

Ti abbraccio, grazie cara amica, andrea^^

il 08/07/2013 alle 20:40

Anna cara...felice che ti sia piaciuta, ciao^^

il 08/07/2013 alle 20:41

Anche nel caos c'è armonia...grazie mary, andrea.

il 08/07/2013 alle 20:41

non mi offendo, non mi offendo...però....non mi mangiare...scherzosamente, grazie ciao^^

il 08/07/2013 alle 20:42

Il più bel temporale che abbia mai visto! Ciao. Antonella

il 08/07/2013 alle 22:29

Bravo... come sempre, Andrea!

il 08/07/2013 alle 23:20

Ti ringrazio anto, un caro saluto, andrea.

il 10/07/2013 alle 12:16

Diciamo fra alti e bassi Sir, grazie

il 10/07/2013 alle 12:17
parole lontane
Pubblicata il 16/05/2013
parole lontane
sempre vane......
e adesso che mi allontano
il tuo commentare è invano.....

è la sorte del più forte
si casca ma non è la morte....
di nessuno per nessuno
se poi parli con nettuno....

mille donne tu volevi
ma nessuna con i veli,
ora libero e infelice
vivi accanto alla fenice......

qualcuna ti disse che tu vivi
e di collezione respiri,
mille fate nel tuo cuore
che di solitudine poi muore......

cosa dirti soldatino?
"guarda bene il tuo destino"
e smettila di giudicare
chi nella mia vita vuole entrare.....

lo fa anche con quella foto
che lascio li per un voto,
la puoi anche non guardare
ma falla finita di imprecare.....

c.barux
  • Attualmente 1/5 meriti.
1,0/5 meriti (1 voti)

Simpaticamente rimata, milady!

il 16/05/2013 alle 20:40

grazie

il 17/05/2013 alle 00:53
Pubblicata il 21/10/2018
La Signora non chiede permesso.
dice "Avanti, c'è posto!".
cuce il vestito nero della festa
per veder Lei, sarta funesta.
e ride con chi ha riso
e taglia erba e cuori.
questa vecchia baldracca
signora dei dolori.
scommetto che la bella
ha scritto sul carnet
il nome degli amanti
che le han pestato i piè.
"Cos'è la vita, buon feto,
buffone di corte?".
"La vita, è presto detto.
e' la morte".
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)
A ritroso E in avanti
Pubblicata il 21/10/2018
Procedo a ritroso e in avanti
raschiando rimasugli
rovistando avanzi
procedo a bocconi e vomito
auspicando proseliti in fermento
continuando ansimando
attenzione e dissenso
procedo a ritroso e in avanti
mordendo abitudinari brogli
marciando indegno
lungo arterie di ricordi
intreccio di cose che arrivano
di lanosi garbugli
le palle piene
a ritroso e in avanti
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)
E ci fu il tempo
Pubblicata il 12/06/2011
E ci fu il tempo dei papaveri rossi duri e dimessi
e a volte anche commossi;
più non riesco a ricordarmeli;
vorrei di dosso scaricarmeli.
E ci fu il tempo delle mele gialle simili a palle,
non solo da giocare,
cresciute belle in fondo a quella valle,
mele per tutti, buone da mangiare.
Niente è rimasto e nulla è ricordato,
ho conquistato il premio dei perdenti,
che se lo prendi davvero te lo senti!
Per una volta almeno resti gratificato.
Niente è rimasto di tutto ciò che è stato,
nemmeno quel sentore di vanità,
ma solamente il senso del peccato
che certamente mai ti abbandonerà.
E ci fu il tempo di dire basta: - è troppo assai -;
- non si può dire! -,- errore di grammatica! –
Ma quanta gente si mostra sì simpatica anche se a casa
accumula i suoi guai!
In mezzo al mare si va per navigare ma io il mare
non l’ho visto più,
nemmeno in cartolina e in gioventù,e mi è sembrato
grande da solcare
e m’è rimasto infido e da evitare.

venninsetteluottonms12611
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (2 voti)

l'unico errore sarebbe smettere di credere alla possibilità di un futuro migliore...le mele non torneranno più è vero, ma ci potrebbe essere qualcosa di ugualmente bello...non smettiamo di navigare.
abbraccio coinvolgente
eos

il 12/06/2011 alle 11:48

io vedo solo buste e bottiglie di plastica e qualche giallo filo d'erba...e cattiveria tanta e impensabile
ho votato 4 si ma era il primo voto e pur fa freddo e non c'è sole
abbraccio a mare ggiante
ninomario

il 12/06/2011 alle 12:06

ma la domenica mattina in genere si dorme fino a tardi...anche qui il tempo non è granchè e non c'era proprio folla ai seggi, ma cmq un flusso regolare...ma oggi c'è il recupero, non ci credo che su temi così importanti la gente non andrà a votare.
abbraccio ottimista
eos

il 12/06/2011 alle 12:22

la prendo per vera
abbraccio veramente
ninomario

il 12/06/2011 alle 12:35

e tu il "primus inter pares" e diciamo pure che
crediamo tanto quanto noi te ne vogliamo(maiestatis)
abbracci exit poll isti
ninomario

il 12/06/2011 alle 16:02

Bisogna avere fiducia in un avvenire migliore nino,
altrimenti che vita sarebbe?il mio smisurato affetto per te caro amico e abbi fede ok?

bacino affettuoso.
Marygiò

il 12/06/2011 alle 16:47

stai dando da bere ad un annegato
ah marigiò, marigiò!
abbraccino
ninomario

il 12/06/2011 alle 17:03

ore 23,13: quorum oltre il 41%! dai, che ce la facciamo!
a domani
eos

il 12/06/2011 alle 23:14

visto, visto e per scaramanzia vado a letto già lunedì, giorno dello spoglio.
a oggi
ninomario

il 12/06/2011 alle 23:51
Dove sono?
Pubblicata il 24/05/2011
Spesso vedo il mondo infelice,
spesso osservo le persone tristi.
Amici che si tradiscono
innamorati che si feriscono.
Tutto sembra pazzia
tutto mi conduce alla follia.
Spesso vedo la violenza del mondo,
spesso osservo le persone crudeli.
Il mio cuore e la mia mente son straziati
dal dolore, dal rancore,
e io incapace di fare la differenza
spesso mi chiedo: Ma dove sono?
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (2 voti)

Grazie e saluto affettuoso.

il 24/05/2011 alle 17:15

non sei solo...se aspetti diventiamo una folla..
un caro saluto
ninetta

il 24/05/2011 alle 18:10

sei nel limbo del purgatorio, consiglio di stare dalla parte del bene, non si sa mai. piaciuta questa tua interrogazione, rich.

il 24/05/2011 alle 18:12

sono assai in ritardo...grazie ninetta, ^^

il 15/04/2013 alle 17:45

grazie a rich^^

il 15/04/2013 alle 17:45

davvero scusate il ritardo^^

il 15/04/2013 alle 17:46

Siete in mezzo a noi! Siete tra questi eroi!

il 22/06/2013 alle 18:35

e ne sono lieto, grazie

il 23/06/2013 alle 14:05