Vedi tutte le Poesie lette da BIBAMUS dell'ultima settimana

Pagina aggiornata il: 16/07/2018 12:57:34
Due angioli
Pubblicata il 15/07/2018
A dritta e a manca
li nostri passi
accompagnati sono
da due angioli
quello de lo male
e quello de lo bene
in una lotta senza quartiere
se la danno di santa ragione
alternandosi le perdite
e le vittorie.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)
A tu per tu
Pubblicata il 15/07/2018
Fior de limone
quanno tu passi
fai un figurone
fior de arangio
se nu stai attenta
me te mangio
fior de mandarino
co le donne
vuoi far er mandrillo.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)
Lo tempo
Pubblicata il 15/07/2018
Lo tempo
passa e se ne va
ma nu che ancora qua
stamo
e lo su tic tac sentimo
è segno che semo
e la vita
ci sorride come sempre.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)
Messer Lodovico
Pubblicata il 15/07/2018
Messer Lodovico
de la bella Mona Veronica
pazzo innamorato
ad un liuto
strimpella
la sua bella serenata.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)
il mio angelo
Pubblicata il 15/07/2018
tante volte ho sognato di toccarti,
ma tua presenza resta sempre diafana,
sei vicino a me ma invisibile ..

il mio angelo che soffre e ride
con me , cerca sempre parole
di conforto e pace,
quando tenebre danzano
attorno a me...

ma la guerra è uno stato
di instabilità mentale e fisica,
tutto vale per l'eternità
di un minuto,
se sopravvivi ti sembra
di essere in trincea,
con la morte che aspetta
fuori ....
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)
abbeverasi 'l guardo alla transumanza
cri
Pubblicata il 15/07/2018
Abbeverasi 'l guardo al pascolo supremo
che del natural svolgersi svelando va l'essenza
d'esili capre 'l transumar sereno
dell'armonico sfavillar è indubbia presenza.
su complici prati ergonsi tenui qual seta
e ' l nutrimento a lor 'n guisa di ciuffi il ventre allieta
mentre componesi l'uran a labbra di sorriso.
placido ostendesi lo sventolar di campanelle
e di poetici sussurri vergar sa ogne pelle
tra umili dimore compiesi il passaggio
e di novella semplicità l'esister fà viaggio.
dir non si sapesti se sien favole o realtà
ma ondeggia il cor l'istesso nel mar dell'immensità.
  • Attualmente 2/5 meriti.
2,0/5 meriti (1 voti)

Molto piaciuta

il 15/07/2018 alle 20:02
cri

Ancora grazie

il 16/07/2018 alle 12:02
oh morente alma
cri
Pubblicata il 15/07/2018
Che compagno abbia sempr'io 'l sollazzo
ch'il giocoso tuo sembiante donommi a cascata
'l serberò te 'l giuro a guisa di sfavillante arazzo
ch'in processioni i' porti innanzi a ogni mia giornata.
sol due realtà guisa per me serberan di poesia
del Cristo la lucente croce e la tua pur gialla fotografia
e il guardo tuo a pasto s'offrirà alla mia alma gemente
del doman vigil custode che per man prenda il mio presente.
or l'uran t'attende e più oltre l'amor mio non ti rattene
ch'in energia tu per me mutar possa l'infuocate tue pene
dal fier e robusto cirro che avrai sempiterna dimora
e 'l rimembrar di te in me farai cantar ancora.
alma ch'in ricerca visse e al bel spalancò le porte
questo mi insegnasti mai odora di tetra morte
sol il treno di dolcezza sul tuo verbare sferragliante
oggi e doman rivelerà al respir mio il senso suo costante.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)
omaggio a Brescello
cri
Pubblicata il 15/07/2018
La ov'il fiero Po tra labbra di rive ha 'l riso
e l'acque sue l'incanto svelan del Paradiso
cesellò Iddio il lieto sentier del real avvinto a finzione
due man stringendo, 'l rude don Camillo e 'l rosso Peppone.
di bandiera inimici ma sodali in gran bontà
cristo e progresso in strenna volean per la comunità
d'argine ad argine, di campo in altro campo
con il semplice viver manto e vanto di quel tempo.
umil gente e solidale e non fasti principeschi
in eterno disegnar l'alma disiò del buon Guareschi
ch'il guardo al loquente crocifisso si levasse in volo
perchè niun uomo a sentirsi mai avesse solo,
eccoci allor ove arderà sempre il mondo del bello
il dolce padan loco che nome reca di Brescello.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)

Bravo

il 15/07/2018 alle 20:03

Piaciuta

il 16/07/2018 alle 11:24
cri

Ringrazio

il 16/07/2018 alle 12:01
Sensazioni
Pubblicata il 15/07/2018
Dalla pineta osservo
frammenti di mare,
in un puzzle di sale.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Adoro le poesie che ti fulminano come un flash, con poche parole ma essenziali tipo 'm' illumino d'immenso''!

il 15/07/2018 alle 19:19
Pubblicata il 15/07/2018
ululando come un urogallo ustionato dall'uranio per aver urtato con un'unghia l'uscio dell'ufficio di un ufficiale della Polizia Urbana di Udine, mi proposi di usare come unguento riparatore, un impasto umido di uva passa e ulivo macinato dell'Uzbekistan, importato da un urbanista di Urbino di nome Urbano che vestiva sempre con abiti di Ungaro e vendeva in nero uova di gallina allevate in Umbria all'ombra.
ultimamente usai tutta la mia umiltà per ultimare un'upupa meccanica per non udenti per scopi umanitari, seguendo il progetto di un uditore dell'Università di Upsala amante delle ultime incisioni di Uto Ughi in Ungheria.
così, umettandomi l'ugola finii in bellezza intonando a cappella, a reti unificate l'inno dell'Uruguay secondo l'ultima versione degli U2.
uauh !!
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)