Vedi tutte le Poesie dell'ultima settimana

Pagina aggiornata il: 16/10/2018 09:28:20
Ho parlato con il vento
Pubblicata il 14/10/2018
Ho parlato con il vento,
mentre giocava con foglie
dorate e raggrinzite,
ho chiesto di te, che sei andata via....
gemendo il vento
oscillava fronde e cespugli,
orbitava sacchetti vuoti,
spingeva ombrelli e
persone...

poi ha smesso e per magia
fiocchi di neve sono scesi
da nuvole imbronciate...

allora ho capito il bisbiglio del vento,
saprò come riconquistarti....
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)
Cadono Le Foglie
Pubblicata il 14/10/2018
cadono le foglie
biglietti di solo andata
dei nostri anni
e noi li cercheremo
senza trovarli
a un capolinea
che si sposta
come l'orizzonte
ai nostri passi,
perdersi la meta
essere dimenticati
il premio di persistenza
che nessuno ritirerà
-Il tempo
un mangiatore di foglie
mai sazio
tranne su qualche foto
o nel rigurgito di una frase
------------------------------
da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
  • Attualmente 3.75/5 meriti.
3,8/5 meriti (4 voti)

molto piaciuta.Sono dell'idea che il valore di un testo non si misuri a seconda della sua incomprensibilità ma possa dare molto pur nella sua semplicità espressiva.

il 14/10/2018 alle 08:59

concordo con Genziana, bel testo

il 14/10/2018 alle 13:09

piaciuta :-)

il 15/10/2018 alle 10:14
Pubblicata il 14/10/2018
La chiamavate vita,
v'assecondai per collocarmi fra i vostri sorrisi.
sono belli i vostri denti perfetti
ma non sanno cos'é la fame,
non sanno procacciare.

torno alla fatina verde,
ai chioschi esistenziali
fra tavoli di fumo e rimorsi,
fra cuori scheggiati.

l'uomo più affascinante dell'oblio
ha il colletto della camicia ingiallito.
il fiore al suo occhiello é seccato,
basterebbe un soffio per ridurlo in pezzi,
ma i suoi movimenti sono cadenzati.
la legenda narra che ballò un tango con un tornado, da lì il suo calice trabocca, campa vendendo versi di vento a uomini rondine con troppe paure.
  • Attualmente 4.2/5 meriti.
4,2/5 meriti (5 voti)

Il sacrificio e l' umiltà! Han fatto re prepotenza! La nobiltà è grande se c'è la volontà! D'essere fra i popoli: Lungimirante sole! A far fiorire i borghi: di nuove virtù ed amore! Un saluto

il 14/10/2018 alle 06:51

Un saluto a te Fiordipsiche, grazie per i tuoi versi e per esserti soffermato fra i miei.

il 14/10/2018 alle 13:02

forse non c'entra nulla ma chissà perchè ho pensato a Pessoa....mi sembra l'identikit che hai tracciato in questa tua che trovo bella e originale

il 14/10/2018 alle 13:13

Fa sempre piacere: leggere bei versi! Un saluto

il 14/10/2018 alle 20:48
il cuore di tutti
Pubblicata il 13/10/2018
Cuore di pane vive col companatico.
che non sa di asciugarne il sale.
sorride al mondo senza inganno. Pratico.
e non usa parole che fanno male.
cuore di aghi difende se stesso
dagli attacchi scherzosi del tempo.
anche i palloncini danneggiano i silenzi.
lui che non si vuole guardare dentro.
cuore di nuvole vaga nel cielo.
e dalla pioggia non si fa bagnare.
fischietta una canzone leggera come un velo.
e nel frattempo attende di atterrare.
cuore di sasso è pietra dura, da levigare.
in fondo basterebbe una carezza
per vederlo volare.
fermo sulle proprie convinzioni.
incapace di lasciarsi andare.
il cuore di tutti è un po' tutto questo.
in egual misura.
un sognatore che difende il proprio credo.
ma di cambiare davvero non riesce, per paura.
confonde spesso il serio col faceto.
e della ragione non conosce la natura.
il cuore di tutti è obsoleto.
ma per tutti è fatto su misura.
  • Attualmente 2.5/5 meriti.
2,5/5 meriti (2 voti)
Pubblicata il 13/10/2018
Resta.
rimani con me ancora un poco.
resta seduta qui, ai confini del tempo.
così che i miei occhi possano
fermare nell'attimo il tuo ricordo eterno.
rimani ancora in compagnia
della mia anima in subbuglio.
parlale con parole sincere e pause che respirano.
più dolci di tutte le romantiche poesie dei poeti,
che dal seno dell'amore succhiano e si dissetano.
resta.
rimani con me ancora un poco.
il mondo può aspettare. Come il sole attende il suo cielo.
nel lento, inesorabile cambio di stagione. Sereno.
rimani e lasciami una scorta di sorrisi e di baci.
così che non manchi mai
il pensiero di te mentre, confuso, piango.
travolto e libero
di accettare i tuoi meravigliosi abbracci.
resta, ti prego,
e alloggia per sempre nella mia testa.
idea illuminante che conquista.
  • Attualmente 2.75/5 meriti.
2,8/5 meriti (4 voti)
il bisogno
Pubblicata il 13/10/2018
Simboli e significati.
gesti a grappoli.
messaggi decifrati.
tradotti e classificati.
qualcuno sospira.
qualcuno chiama.
qualcuno urla a squarciagola.
e il mondo é sordo
come una campana.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)
Il buongiorno delle pentole
Pubblicata il 13/10/2018
Il buongiorno delle pentole
sporche della sera
lascia vaghi ricordi
nei fondi di caffé...
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)

piacevole :-)

il 15/10/2018 alle 10:16
il bene E il male
Pubblicata il 13/10/2018
ombre di Luci

luci d'Ombre
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)
il collezionista
Pubblicata il 13/10/2018
Tormento e godimento.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)
Pubblicata il 13/10/2018
I vecchi camminano a ritroso lentamente,
cercando, come mendicanti, avanzi di ricordi.
i vecchi hanno come unico ostacolo la loro mente
che guizza veloce più degli arti.
i vecchi. Silenziosi sonnambuli.
che si pisciano addosso in memoria
dei primi anni della loro vita.
i vecchi parlano troppo o non dicono niente.
arrabbiati col tempo che li ha resi vecchi.
speranza ormai finita.
i vecchi insegnano l'esperienza e pretendono rispetto.
qualche volta senza nemmeno salutarti.
altre volte brontolano allo specchio,
quando la rabbia acceca i loro sguardi.
i vecchi dicono dei vecchi cose impossibili
anche solo a pensarle. Ad effetto.
eppure è così bello stare ad ascoltarli.
e a osservarne del cuore il movimento.
i vecchi masticano dentiere e pane morbido
come cicche americane.
e inseguono farfalle invisibili
all'ombra di un tiepido sole.
i vecchi sorridono con gli occhi
verniciati a cataratta.
della felicità hanno solo il sentore
di non averne avuta abbastanza.
i vecchi dimenticano spesso, persino il loro nome.
e confondono nipoti, generi, cognati e le sconosciute nuore.
i vecchi sono voci in cantina che cantano vecchie canzoni.
senza il bisogno di musica o battiti di mani.
quando a letto li vedi fissare il vuoto della loro esistenza,
ti senti tale e quale a loro e ti viene voglia di abbracciarli.
al ritmo di una vecchia, dolcissima danza.
  • Attualmente 2.5/5 meriti.
2,5/5 meriti (2 voti)

Mi ha commosso.Avrei voluto avere ancora vicino i miei nonni."E' così bello stare ad ascoltarli. e a osservarne del cuore il movimento." Proprio così.Il cuore in movimento.

il 14/10/2018 alle 09:06

piaciuta :-)

il 15/10/2018 alle 10:17