Pubblicata il 04/10/2008
si spacca in due

attende

e

i colombi un colpo non a caso

beccano ingordi

il frutto vermiglio della passione

alimentando con grazia

l'istinto di sopravvivenza.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

è vero, solo la passione può aiutare la sopravvivenza
bella!
ciao
lilli

il 04/10/2008 alle 13:24

Mi piace questa metafora del melograno...
simbolo di passione pura!
Un abbraccio.Dora

il 04/10/2008 alle 14:43

Cara Ariele
ho letto lo scritto senza leggere il titolo e devo dire che il melograno e' cosi ber tratteggiato in penombra che non era necessario aggiungerlo nel titolo.
L'immagine della "volontaria" offerta del frutto vermiglio , come in natura avviene, mi fa riflettere su come l'evoluzione abbia modificato questo comportamento.
Mi piace immaginare con ampio significato semantico la tua metafora senza porre limiti alle allegorie possibili, da quelle piu' immediate della riproduzione o solo della passione, ma credo che ci sia inoltren intrinseco il senso della diffusione del DNA che come sai i colombi diffondono nel mondo con possibilita' da parte del melograsno di rinascere altrove...
Ecco un'altro ambito nella tua allegoria, la diffusione nello spazio delle nostre radici grazie ad una donazione volontaria di ciò che è nostro, senza timore di rimanere chiusi per sempre in un guscio ruvido e rigido.
Ancora metafora di molte persone nel loro intimo.
E questo mi porta ancora oltre, al pensiero che questo gesto è ancora assimilabile alla donazione che voi scrittori fate, volontariamente, del vostro frutto di passione, almentando con le parole la nostra sopravvivenza, che grazie anche a questo diventa "vivenza" piena.
A mio parere c'è molto ancora nella tua poesia, ma credo che è gia lungo quello che ho sritto e non vorrei annoiarti.
ti ringrazio comunque,
un saluto
Bruxio

il 05/10/2008 alle 11:51

Granelli accesi di rosso brillante stanno in una fitta rete di simboli e significati, ma il tema della sopravvivenza è particolarmente interessante e tu hai saputo porgerlo con una sintesi estrema, ma di grande valenza sia poetica che umana.
Grazie per il dono succulento,
un abbraccione
mati

il 05/10/2008 alle 23:38