Pubblicata il 22/09/2008
Equinozio d’autunno

La mattina, quando arrivo adesso, è più buio
non c'è la luce vivida elettrizzata
degli istanti che precedono l'alba
minuti fantasmagorici quelli
in cui tutto si prepara per divenire
ma ancora non può, ancora si trattiene o e trattenuto,
tutto aspetta il manifestarsi di cose.

Le luci della strada ancora accese
che sembra per errore,
qualche gatto guardingo rasenta un muro lieve,
un uomo lento s'avvia con il suo bagaglio
ad un incrocio, senza enfasi
come fosse sua colpa questa ora da espiare .

Passa un gagà tronfio dei successi della notte,
tira con le guance cave l'ennesima boccata
e il fumo gli si impiglia in quel irto
sorridendo in tralice alla vetrina
che gli rimanda una smorfia di anima sbiadita

Una guardia notturna armate di rabbia e di sonno
gli occhi rossi e la gola arsa
sigarette e caffè per accorciare il tempo,
delle coltri candide che avvolgono lei,
sola in un letto troppo grande
di sonni ruvidi di silenzi e ovattati, di livide ore d'attesa

Ed io imprestato a questa aurora d’alba
più per necessità che per voglia
cerco ad ogni angolo un immagine
una emozione un pretesto per farmela apprezzare
timonando lieve ogni ansa
mentre cerco di tenere gli occhi aperti
e l'anima chiusa nella tasca dei pantaloni
aspettando che squilli, come un telefono, come un destino
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)

*E' quando si leggono POESIE come questa
che si amano, si amano e si amano..le parole
e si vorrebbero fermare le immagini e conservare
tutte per sé in uno scrigno, da aprire 'negli istanti
che precedono l'alba, per poterle apprezzare
timonando lieve ogni ansa.'
Saluti cari
Summertime

il 22/09/2008 alle 21:17

Mi è piaciuta tutta
ma gli ultimi due versi
ancor di più

(..)
e l'anima chiusa nella tasca dei pantaloni
aspettando che squilli, come un telefono, come un destino

smack
liz

il 22/09/2008 alle 21:27
Jul

Si aspetta sempre che accada qualcosa, il destino che bussa s'impigrisce sempre più e l'equinozio d'autunno rabbuia le speranze attendendo il lungo inverno del cuore. Ma perchè scrivo di queste cose leggendoti? Bisogna riportare spiragli di luce alle nostre anime pessimiste! Ciao Sergio la vita può anche sorriderci se ci proviamo anche noi.
Giulia

il 23/09/2008 alle 19:23

Ami incamminarti nello spazio della ricerca psicologica e noti le situazioni, gli atteggiamenti, le sensazioni, i cambiamenti di chi si offre alla tua vista.
Credo che sia una necessità per riportarti al tuo dentro, in attesa che un segno proveniente dall'esterno possa spezzare il momentaneo tempo del silenzio ed indicare un chiaro punto di riferimento.
Ogni tuo scritto è fortemente impegnativo, tramuta in parole l'ansia che ti attraversa e rivela un'emotività pregnante.
Un caro saluto
mati

il 24/09/2008 alle 00:01

Amare le parole, la loro forza evocativa ed immaginifica, sono contento che tu abbia apprezzato i miei versi e che ti abbiano suscitato un così alto e intenso apprezzamento.
Grazie Summertime

il 26/09/2008 alle 05:56

Sempre puntuale liz a cogliere aspetti significativi dei versi, una dote questa.
Mercì, Zordoz

il 26/09/2008 alle 05:58

Grazie Alessandra per avere condiviso i miei versi
Zordoz

il 26/09/2008 alle 05:59

Scrivi queste cose Giulia forse perchè nei mei versi si riflettono le apprensioni e l'imminenete autunno che pure tu percepisci, come si dice che la bellezza, e la malinconia io aggiungo stà negli occhi di chi guarda, di chi legge ...per noi.
Non siamo pessimisti noi, ma prendiamo semplicemente atto di quello che accade, che ci accade, e sempre a caccia di sorrisi e di spiragli di luce come fossimo gechi abbarbicati a questo muro trascendente.
Sergio

il 26/09/2008 alle 06:07

Leggi in controluce i mei versi e vi scorgi la filigrana che li attraversa, per arrivare ai sommovimenti dell'animo ai quali essi sottendono.
Sei tu che dimostri una notevole attitudine alla analisi ed alla comprensione direi quasi condivisione.
Sergio

il 26/09/2008 alle 06:12

Leggo ora. Molto bella. Bukowshiana.
L'ultima strofa è splendida.
Un caro saluto.
N.

il 02/10/2008 alle 18:02

un deja-vu per me, che annuso ogni ora. sintonia di chiariscuri, di suoni e fotografia. bravo, mi conosci benissimo.b

il 19/10/2008 alle 22:12

Purtroppo io non ti conosco affatto, ma conosco ogni attimo che precede il mio eqinozio ogni rumore odore soffio che lo accompagna ed ogni chiaroscuro assenza e attesa che lo segue, forse li conosci anche tu..
Grazie
Zordoz

il 21/10/2008 alle 20:10