Pubblicata il 26/08/2008
ore danzano
beffardo il suono,
spiano , sonno e veglia,
affresco il reale
minuscoli attimi, porta giudizio
non è biologico il riscontro che viene dallo spazio,
lo sai sono strida risa canti pianti accenni
ma una costanza resta come colonna corinzia
la certezza
di
fonte
che ha radici.
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)

Una poesia veramente bella! Sir Morris

il 08/02/2015 alle 20:01