Pubblicata il 02/07/2008
E’ notte fonda.
E pochi soltanto gli astri
che brillano nel cielo...

Forse c’è qualche stella cadente
tra loro o forse un piccolo sole
cammina solitario
In compagnia di una stella caduta.

"Se uno non si sente triste e solo non può davvero
essere un guerriero!"***
E’ il mio pensiero
Mentre alzo di nuovo
I miei occhi al cielo!

Urlo ad alta voce il nome di me stessa
Nella mia mente:
..E’ solo un nome!

Chiudo gli occhi
E alla Triplice Dea che nasconde il suo volto
Urlo il mio Amore eterno verso l’Infinito suo volto notturno e velato
Un eco misterioso nella notte mi rassicura e mi
risponde,
Un eco di un qualcosa che non ho mai vissuto
L’eco di passioni che potrebbero esistere
Ma che totalmente nego.

Echi di insicurezza, di ragione, istinto, emozione...
Sassi sul cammino...
Invitano a cogliere l’istante!


**Scritta in una notte di giugno 2008.

*** Frase tratta dal libro "Shambala - La via sacra del guerriero"
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Il pensiero spazia nell'eco della notte..
bella , qualcosa di indefinito che affascina..

il 02/07/2008 alle 11:06

riflessioni e spunti davvero interessanti

Smack
liz

il 02/07/2008 alle 14:10

...un piccolo sole
cammina solitario
in compagnia di una stella caduta

Mi piace molto quest'immagine, così come l'eco di qualcosa che potrebbe, o sarebbe potuto, essere.

Complimenti, molto bella.
Ciao
Solo

il 17/08/2008 alle 23:59