PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 12/06/2008
I mei libri
sono sparsi sul pavimento.
Li devo riordinare,
sono passati mesi
(anni, forse?)
dall'ultima volta.
Quindici scaffali
in tre file
di
cartonati
tascabili
economici
classici
moderni
progressisti
narrattivi
poetici
tutti amati
(alcuni un po' meno)
e tutti letti.
L'ordine alfabetico mi mette in crisi
devo mettere
Coe
in fondo?
Devo proprio?
Mi sento quasi in colpa
a mettere l'amante letterario
dietro Moccia
lettura lievemente vuota
e quasi dispiaciuta.
E Bukowsky?
Incastrarlo tra anonimi e altri?
Quasi mi dispiace.
Forse è meglio seguire il proprio cuore
e non l'ordine alfabetico
che mi stringe
e soffoca la passione.
O forse dividerli per generi.
Ma camera mia non è abbastanza vasta.
Incastro le analisi storiche
(troppo usate scolasticamenete)
dietro al maialino di porcellana
salvatore di risparmi.
Un lavoro immenso
durato tre giorni.
E alla sera
un libro spunta
timido e inciscuro
dietro a una vecchia copia di
Rolling Stone.
Le Argonutiche.
Come ho potuto metterlo dietro il cantante dei Cure!
Il libro di cui la strega ha ispirato tante tragedie,
lo infilo,
tranquilla,
tra l'enciclopedia dei miti greci e l'Eneide.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)

vedi, cara, questa è qualcosa di geniale... questa è poesia! diveterai una grande un giorno continua così!

voglio veder cosa ne pensano tutti quelli del sito...

questa spacca fidati!

poi.. se leggi bukowsky mio prototipo di vita IL GENIO della poesia americana!!!

meriti 5!

ciao grazie! (commenta anche le mie se le trovi ci tengo :-)

il 12/06/2008 alle 17:25

Non lasciare i tuoi libri immobili nello scaffale, accarezzali spesso, ponili in disordine, e lascia che qualche volta siano essi a scegliere te.
Legati alle loro pagine con un filo rosso sempre più acceso, ne ricaverai un mondo di emozioni.
Brava, una testimonianza fortemente positiva la tua, grazie, mati.

il 13/06/2008 alle 00:04

I libri hanno una vita loro:rispettali e curali.

il 13/06/2008 alle 07:50