Pubblicata il 06/06/2008
Corre il treno,
o arranca,
lasciando la periferia
di Barcellona
nella luce dorata
del tramonto.

Verdi colline boscose,
campi coltivati,
filari di viti
e olivi,
terra rossa.

Un lampo all'improvviso,
oro tra il verde,
quando il sole si riflette
su un piccolo corso d'acqua.

Il piccolo campanile quadrato
emerge piano piano
tra il verde,
poi la chiesetta in pietra,
così naturalmente
immersa nel paesaggio,
da sembrare
cresciuta con gli alberi!
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

ecco ,il poeta che dipinge con i versi ,non importa se tra le nuvole o nei fili binari ,lui aguzza la vista e entra dentro il quadro d'autore, cosi posso dire di aver viaggiato con te,grazie amico mio bentornato ,cate

il 06/06/2008 alle 13:07

Come sono belle le tue poesie Solo. Così dolcemente appassionate e vive. Così malinconiche anche, ma sempre struggenti e piene di desiderio e di amore per ciò che ti circonda. Mi sembra di essere su quel treno: è bellissima :-)

il 06/06/2008 alle 13:33

tutto ciò che vediamo e proviamo pare scorrere via ocme le immagini da un treno. bella.

il 06/06/2008 alle 14:36

I quadri spaziali che tu ami dipingere hanno il colore del tuo animo, quando è assorto nella contemplazione e nella fruizione delle cose più armoniose e più belle.
Un caro saluto, mati.

il 06/06/2008 alle 23:59

ho avuto la sensazione di viaggiare con te sul treno e rimirare quel stupendo paesaggio...
bellissima
ciao olly

il 08/06/2008 alle 23:49