PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 25/03/2008
La mia gioventù mi frega!
Non riesco a controllare le mie parole
e subito mi pento di quello che ho detto
dei miei sguardi
più freddi del ghiaccio
più duri della roccia.
E il mio pentimento è amaro
come le lacrime che scendono
sulle mie guance arrossate.
E le mia mani si strigono convulsamente,
e la mia mente grida il pentimento
e la rabbia pompa nel cuore
e la sento salire
ancora
e ancora!
Dannati sentimenti che non riesco
a controllare
mi mordo le labbra
per non parlare ancora
e non pentirmi ancora più amaramente
e mando giù il nodo
e taccio
e mi mordo le labbra
e stringo gli occhi.
Non devo rispondere
devo dominarmi
e tacere.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Succede pure ai vecchietti come me non riuscire a controllarsi qualche volta e so che poi ci si sente male.
Non ti crucciare se sei istintivamente aggressiva...

Un grrrrrrrrrrande ciao
Cesare

il 25/03/2008 alle 14:56

la rabbia è un conto, la lingua lunga un altro!!!
la prima cerca di conoscerla, la seconda.. beh a volte lascia anche che parli!
e concordo con saby: succede a tutte le età!
rst

il 25/03/2008 alle 17:19

Succede pure alle mezze donne come me (mezza perchè mi sento ragazzina, ma la mia età biologica dice un'altra cosa)

Smack
liz

il 25/03/2008 alle 18:11

Quel grrrr indica un moto interiore che vuole portarti al senso della pacata riflessione, è una voce rabbiosa da non sottovalutare...
Ciao, mati.

il 25/03/2008 alle 23:46

Mi è piaciuto il modo in cui hai esposto le tue sensazioni.
Secondo me è una poesia spontanea, ma anche musicale.
Molto bella.
Alessia

il 26/03/2008 alle 20:14

Tacere non va bene, anche se quello che hai da dire può essere "sconveniente"...Se poi si tratta di una parola sbagliata, la persona a cui l'hai rivolta saprà capire (e perdonare) se ci tiene veramente...
Bacio Nihal

il 06/04/2008 alle 16:24