Pubblicata il 01/03/2008
P’a fèste d’i Fèmmene

Nu bbrellòkke de bbellizze rare

U Patatèrne ngile kreàje
nu bbrellòkke de bbellizze rare
ka cchjù d’u sóle arresblennéve
è ppe kkòsa nóve è bbèlle fà
‘a kundezzjòn’a facìje pegghjà
de ‘na Fèmmene bbèlle assaje.
Da ngile ndèrr’a facìj’asscènne
pe ddelizzje è ammòre spanne.
D’òggnè vertù vestute, sapjènde,
dóce, a ndò vacia vaci’ò kóre
parle sènza manghe ‘na pavure.
Tra i vrazze suje, a ndò stace
‘a ‘mmòre, u dòrci’ò munne dace,
attande kè ‘na fròmme cchjù bbèlle
a’ tèrre arrepegghjà i face.
Vit’è kkumbòrte, prjèzz’è ddelizzje
dace a kki pe nnande i stace,
è u sól’akkumbar’a ndò vace.
Tand’éje supran’è aggarbate
krjature, ka l’òm’u stat’i déve.
Òggnè paróla suj’a ‘kkussì dóce
éje, ka u spirde de lòme và
nda tutt’i luke a ndò ghèsse stà.
U dórce uarde suje avaste
p’u sóle de l’ammòr’agavezà
fà, a ndò u skurde cchjù skurde stà!


Per la festa delle Donne

Una stella di rara bellezza

Iddio in cielo creò
una stella di rara bellezza
più splendente del sole
e per fare cosa nuova e mirabile
la condizione le fece prendere
di una bellissima Donna.
Dal cielo sulla terra la fece scendere
per spandere gioia e amore.
D’ogni virtù ornata, saggia,
dolce, ovunque va al cuore
parla senza alcun timore.
Tra le sue braccia, ove s’annida
l’amore, la dolcezza al mondo dona,
tanto che un aspetto più bello
alla terra fa assumere.
Vita e conforto, gioia e diletto
dona a chi le sta davanti,
e il sole compare dove ella va.
Tanto è sovrana e gentile
creatura, che l’uomo le deve il (suo) stato.
Ogni sua parola così dolce
è, che lo spirito dell’uomo va
in tutti i posti dove lei si trova.
Il dolce suo sguardo basta
per il sole dell’amore sorgere
fare, dove c’è il buio più pesto!
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Che mondo sarebbe senza Donne? Gioie e dolori non esisterebbero e la vita sarebbe un inferno. Salutissimi Pasquale

il 02/03/2008 alle 07:44