Pubblicata il 27/02/2008
Il Reno, all'alba.

Il sole basso
è una scia di fuoco dorato
sull'acqua.

Il grande fiume
scorre rapido:
l'immane massa d'acqua
avanza
un'impressione di potenza
inarrestabile
che toglie il respiro.

Poi sembra rallentare,
il bacino si allarga ancora,
quasi a tirare il fiato
prima di lanciarsi
con rinnovato impeto
nelle cascate
il cui rombo costante
riempie i silenzi
tra i rumori.

La bruma del mattino
rende incerti
alberi,
boschi,
sulle colline intorno
immersi in un alone dorato,
diffuso.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

molto bella la tua descrizione del grande fiume nella bruna del mattino.annarella

il 27/02/2008 alle 21:11

Come sempre troppo buoni. Sono contento se sono riuscito a trasmettervi un po' della bellezza che ho ammirato ieri mattina. E' sempre molto difficile riuscire a trasferire in parole un'impressione visiva, cui poi comunque si aggiungono rumori, odori nell'aria e un'infinità di altre piccole cose che è impossibile riuscire pienamente a descrivere.

Ciao e grazie
Solo

il 27/02/2008 alle 21:57

E’ un movimento vigoroso, un ritmo che accarezza la natura e procura emozioni e fantasie.
Il viaggio che compi diventa pieno richiamo dei sensi e resta nel profondo con le sue attrattive.
Un caro pensiero, mati.

il 27/02/2008 alle 23:47

Grazie discri, troppo gentile. Come dicevo ad annarella e difficile riuscire a trasmettere l'emozione di una scena. Se ci sono riuscito, almeno in piccola parte, sono molto contento.
Grazie e ciao
Solo

il 28/02/2008 alle 22:10

bella ,amico mio,un caro saluto cate

il 28/02/2008 alle 22:15