Pubblicata il 26/11/2007
Inventerò dei fiori
come una dea degli incantesimi
pronuncerò il tuo nome
ti condurrò lungo la strada
che porta a sovrumane follie
e poi dipingerò di questi fiori
quadri immortali

Si fermeranno tutti i sognatori
tra colori d’incenso
a rimirare
le cornici e i disegni
oro cobalto e fiamma
ali di plenilunio
una dimora
per eterno sostare

Avrai le mani colme di carezze
il respiro di viola
e baci impressi come lievi impronte
nella sabbia del tempo

E tutto condurrà dove l’andare
di sé non lascia traccia
dove basta una nota in sospensione
per tingere di musica la notte
quando languido sale
il desiderio d'inoltrarsi ancora…
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

bella poesia...un caro saluto...gianni

il 30/11/2007 alle 17:02

Mi fermo tra “colori d’incenso" e mi ritrovo perfettamente a mio agio, nel contempo seguo il fantastico volo della tua creatività, lungo un percorso arioso ed infinito.
Un caro saluto, mati.

il 01/12/2007 alle 15:33

Grazie Gianni, Angelica, mati, grazie di cuore, i vostri commenti sono un toccasana.
cri

il 01/12/2007 alle 18:04