PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Utente eliminato
Pubblicata il 17/11/2007

Chedè? Che te stà succerenno?
All’improvviso te miette squorno?
E chi te miette squorno? E me!
Comm’aggiufatto a capì ‘sta vutata?
Te parlo oramai ca nu’nnè ‘nu juorno,
te legg’ogni battit’e ciglia, ogn ‘vvulata
e penzier pare ca vene primmaddu’mé.
E’ a linfa de’ penzieri tuoj, formano
ombre grottesche, allucinate da Fefè,
‘o diavulille de’ ffigliole che ricci.
Aggiu ritte cocche’ccosa ca nun’te va!
Invece e me parlà e poi schiaffeggià
cu’na‘bbona raggiona, né tu che faj?
Fuj for’o’bbalcone, ‘n’angulillo, sola.
Allora coccosa s’move comma’n’onda
e trase int’o’core: è ‘ll’uocchio da’vita,
ch’e’ll’acreme hanno pulezzato lucente,
costruen’nu Ponte ‘ncoppe all’abbisso;
vene e corz’addumé: è ’ll’Ammore;
dice “Vicjé, zitto! Te vo’ tropp’bbene!”

  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)