Pubblicata il 14/07/2002
Alle stelle lascio
il triste compito di vegliarmi
in quest'ultima notte
di lenta agonia.
Lunghe ore d'attesa
per quell'ultimo respiro
che metterà fine al dolore
e alla mia esistenza.
Guardo il diario sul comodino,
sempre pronto ad accogliere
ogni mio pensiero,
ogni mio sfogo.
Fiumi di parole ho scritto
con amore e rabbia,
mai ripetute, forse per orgoglio
o per timore.

La sofferenza, ecco...
questa è il mio timore,
che ostinatamente ho chiuso
in un guscio di solitudine.
Mai volli vedere il sorriso
sul volto di chi ti ha amato,
per poi sentirne il pianto sommesso
chiuso nell'altra stanza.
La sofferenza
nei perché di tutto questo,
negli sfoghi di collera
e la mia rassegnazione.
Fiumi di parole spiegano
quel che rileggo con emozione,
ma non vorrò mai scrivere
la parola "Fine".

Paola
28 gennaio 2002
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Dopo una "partenza" in qualche modo inquietante, si recupera più avanti nel brano il senso e il valore della speranza, matura e consapevole. I temi della sofferenza, della solitudine, sono fondamentali e coinvolgenti per l'umano. Nello svolgimento della poesia essi si ritrovano con capacità espressive liriche e sciolte, che superano la mera circostanza che ispira la composizione. Impressioni e sensazioni palpabili di un animo sincero e ricco di sentimento.
Un saluto Paola.
Max
Max

il 14/07/2002 alle 15:48

Sai, invece di sofferenza avevo scritto incomprensione e nel finale scrivevo la parola Fine, ma sentivo che non andava qualcosa e l'avevo messa nel cassetto. Stanotte l'ho ripresa e, con la mia pace nel cuore, sono riuscita ad esprimermi.
Come vedi dalla data, mi sono ispirata ad un film.
Grazie per le tue parole affettuose. Ti bacio

il 14/07/2002 alle 17:27

Molto triste questa tua, un abbandono al ricordo, senza la paura della fine, ma della sofferenza...
Molto toccante, e bella, come ultima pagina di diario!
Axel

il 15/07/2002 alle 14:10

Si, la sofferenza nel dolore fisico é la mia paura.
Speriamo di non dover mai scrivere un diario così.
Ti ringrazio e ti abbraccio

il 15/07/2002 alle 21:34