Pubblicata il 25/10/2007
cambio come i giorni
incerto come le stagioni
un giorno splendo di sole
un altro piango di pioggia
l'equilibrista è chiuso in gabbia
il filo del rasoio
è solo una lama tagliente
ti sfiora
ti taglia
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)
Ess

molto bella

il 25/10/2007 alle 13:26

perchè cantava Battiato secoli fa...cerco un centro di gravità permanente..ma non si trova..chissà dov'è. Bellissima..da sottoscrivere ..purtroppo.

il 25/10/2007 alle 14:18

peccato,forse non ti ho mai letto prima ..forse è colpa di questo tuo nik...che è un pò difficile da decifrare.. da abbinare ad uno spirito così altamente contemplativo..
come mi appari alla lettura di 2 tue liriche.

.un saluto. deamor

il 25/10/2007 alle 15:36

Analisi accurata del vivere.
La precarietà e il cambiamento sono note umane costanti.
Un saluto, mati.

il 25/10/2007 alle 23:27

grazie mille

il 29/10/2007 alle 17:41

forse nn saprei vivere in modo diverso....alla fine mi piace il mio equilibrio precario...mi dà tante emozioni...grazie del pensiero

il 29/10/2007 alle 17:43

grazie del commento e sopratutto del saluto...Gius

il 29/10/2007 alle 17:46

che bella gius.. Bravo.

Sciu'

il 13/11/2007 alle 21:22

sciura ma sa che ora tutti mi chiamano Gius....è praticamente diventato il mio nuovo nome...le voglio bene..

il 14/11/2007 alle 08:59

praticamente sei l'unica persona che è riuscita a sapere l'origine del mio nick.....pensa che in un commento precedente mi è stato scritto che non è un nick che si può accostare ad una persona contemplativa....^_^

il 15/03/2010 alle 00:48

grazie del commento.....è sempre bello suscitare emozioni...il mio nick nasce dalla contrapposizione del mio animo molto combattuto e da un luogo che per me è stato il simbolo della pace assoluta.....il luogo è la valle del quiquio...e la "s" è il mio animo....a presto

il 15/03/2010 alle 00:50