Pubblicata il 10/07/2002
Giacqui stremata al tuo fianco
in quell'atmosfera
profumata dai gigli di mare,
che ancor oggi il mio pensiero turba.
Il petto ansimante per la lunga corsa
smorzava il mio respiro;
con gli occhi socchiusi osservavo
l'immensità del cielo... e Te!
Gocce di sudore imperlavano
il tuo corpo abbronzato,
brillavano nel sole
imporporato dal tramonto.
Una lieve brezza dal mare,
maliziosa e intrigante,
s'insinuò fra di noi...
fu come musica per i nostri sensi!
La tua mano strinse la mia,
mi sfiorasti in una carezza
e lungo il corpo...
un brivido!
Disteso sul fianco
i tuoi occhi nei miei,
le tue labbra sulle mie,
l'esaltazione dei sensi!
Affondai... e riemersi
in un mondo parallelo,
entità pura, spirito libero
vibrante nel tuo respiro.
Nello Spazio infinito...
la Terra non esisteva più,
solo la melodia del mare
e Tu... il mio Universo!

Paola
6 luglio 2002
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)

Molto bella, passionale con delle sfumature di piacevole abbandono all'amore, la grande medicina di cuore e anima!
Ciao!
Axel

il 10/07/2002 alle 08:49

Bella Paola,
romantica quanto basta e colma di passione...
...quella giusta!
E' un totale bagno di amore!
;-)
M'

il 10/07/2002 alle 09:28

L'ho trovata per caso in questo mare magnum quotidiano, e mi è piaciuta molto, per la bellissima capacità di descrizione lirica di momenti che avvicinano un istante, di più non è concesso, all'Assoluto universale. Molto brava.
Un saluto.
max

il 10/07/2002 alle 19:22