Pubblicata il 08/10/2007
Quando o cielo cò mare ve vase,
s'ammeschiano e culure e parene una cosa all'orizzonte,è l'ora dò tramonto.
quando parte o piscature
lascianno e fune a riva.
A duie lati dà spiaggia
a rete s'avvicina,
e tutta a gente attuorno pe
guardà stà paranza.
A rezza è chiena chiena,
e c'abbundanza,
se sò impigliate pesci e tutte e spece,
cefali treglie calamari e alice.
è tutto nù prufumo d'erba e mare,
nù spettacolo c'aregna l'uocchie e o core.
A tardi quase o scuro,
pè dinta a rena scavano e criature,
mentre nù granchio ch'era stato scartato,
torna inde all'acqua,
cuntento ca se l'è scanzato.
o sipario se cala ngoppe a spiaggia,
ca doce sè addurmuta m'bracciao a luna.
tutt'è calmo e sereno
e primme luce e l'alba ,
a scetano dimane.

L.A.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

il mio obbiettivo è di spargere questi profumi a persone come te che li sanno apprezzarere..un abbraccio da chi è entusiasta per avercoinvolto co anche un non napoletano.
annarella.

il 08/10/2007 alle 13:16

bella, rischiara l'anima e il cuore si sente l'armonia del mare con il pescatore che stanco ma felice torna a riva ccon la barca colma di pesce. sei fantastica quando scrivi in napoletano bellissimo il passagio " o sipario se cala ngoppa a spiaggia ca dolce sè dormuta m'braccio a luna" mi sembra quasi di vecere la scena brava ....

T.C.

il 09/10/2007 alle 00:56

graze claudio.
sapevo che ti sarebbe piaciuta ma tu mi confondi.
io vedo tutto con entusiasmo,amo il mare in particolare e dò messaggi per condividere la gioia che provo a declamare le meraviglie della natura.un abbraccio annarella.

il 09/10/2007 alle 17:15