Pubblicata il 28/09/2007
vagava
per strade buie e deserte
cercava qualcosa
ma non sapeva
non aveva idea
di cosa potesse essere
la mente urlava sottovoce
le mani distruggevano in silenzio
il cuore scoppiava
ad ogni battito
il corpo tremava
rabbrividiva
e cercava, cercava
febbrilmente
senza darsi pace
ancora e ancora
sempre di più
a sprazzi tra ragione e follia
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Mamma mia... che tensione...
l'hai descritta così bene che quasi mi sembra di essere lì...

Ciao

il 28/09/2007 alle 12:07

ti ringrazio, mi fa piacere di essere riuscita a rendere bene l'idea...
ciao

il 28/09/2007 alle 13:24

grazie martyr, un bacio

il 28/09/2007 alle 15:56

ma dai che mi fai stare in pensiero cosi' ... perchè sei cosi in ansia? mi pare che tutto proceda per il meglio ....
però brava!

il 28/09/2007 alle 16:03

grazie cara, non ti preoccupare x me... sto bene :-)
baci

il 28/09/2007 alle 16:08

sempre in bilico,le divide un filo,ma nel momento dell'angoscia regna sovrana una medusa di follia,ma rapida lancia di ragione poi la trafigge,il cammino della vita ,quanta fatica,un abbraccio ariele

il 28/09/2007 alle 18:52

tutta la nostra vita e' a cavallo tra ragione e follia.
avrei tanti esempi da farti( naturalmente dal mio punto di vista),ma me ne astengo: non e' la sede questa.
voto la tua poesia,la trovo per nulla scontata nonche' molto vera.
bye bye bye
Antelope

il 28/09/2007 alle 22:30

un abbraccio anche a te

il 29/09/2007 alle 18:16

mi farebbe molto piacere se tu volessi farmi quegli esempi, anche se, come dici, questa non è la sede più adatta...
grazie x il commento e x il voto.
bye

il 29/09/2007 alle 18:18