Pubblicata il 26/06/2002





Morde quel chiodo, la paglia
intreccio di vienna
ed il ricordo di lei,
che manca
tra quelle sicure mura;
chiusa la giornata di doveri
sedeva, confusa tra il nero di
stufa e l'onda dell'ombra,
esile figura ricurva
come ossatura
di legno maturo,
che non solo di quella sedia
era leggero il suo peso,
nel taglio della mela
nella preghiera della sera,
nel tuo pensiero.


  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Eggià è una grande assenza...
hai descritto magistralmente le immagini.
Complimenti
;-)
M'



il 26/06/2002 alle 10:01

Bellissima poesia, affresco malinconico e densissimo di una assenza fortemente sentita che si anima nel ricordo, con una grande caratterizzazione di immagini commoventi e coinvolgenti. Perfetta nel ritmo. Grande anima.
Una delle più belle poesie in assoluto che abbia letto.
Un caro saluto.
Max

il 26/06/2002 alle 11:02

Bellissima.

Ars

il 26/06/2002 alle 12:16

hai scelto delle bellissime immagini, per un bellissimo ricordo, hai reso viva e presente chi non c'è più. Molto brava, complimenti di cuore!
Axel

il 26/06/2002 alle 13:40


Grande Patty, si respira l'aria del passato e il movimento di chi ha impresso gli istanti che descrivi.

Ciaooo
Luigi

il 26/06/2002 alle 14:08

Ciao Ali, mi è piaciuta tanto questa tua poesia.

L'assenza è diventata davvero tangibile.

Complimenti,Angela

il 26/06/2002 alle 19:13

La sedia impagliata, il focolare ci riporta a fuoco un'immagine scenografica dolce e malinconica di un passato che ritorna invadente nella memoria restituendo però ad essa una dimensione lirica che colma quel vuoto della scena animandola con un ritratto davvero stupendo.

il 28/06/2002 alle 21:31

.....beh, non c'è che dire....è stupenda!!!
hai un'immaginazione che va al di la di ciò che si sente e di ciò che può essere catturato dai semplici sensi.
....la paglia intreccio di Vienna......ossatura di legno
maturo....... credimi, è proprio il caso dire che è la realtà che diventa sogno,e non viceversa!
Ti faccio i miei migliori auguri........ciao!

il 13/01/2003 alle 18:14