Pubblicata il 24/06/2002
Guardavo commosso
io che sono un duro
io c'ho protestato
io nato maturo
vedendo la tua vita
scoprendoti natura
del grembo di tua madre
uscir di sangue ed acque
di vita nuova cinta
di nuova creatura.

Veder tutto cosí
le fiamme
orgogli morti
totale distruzione
al mio machismo porti
tu appena nato
con l'urlo del ribelle

"lasciatemi ancora dentro....
....sotto questa pelle".

Guardavo commosso
il giorno che sei nato
in quella sala bianca
di frutto a noi donato
a donna ch'é natura
col seme del suo uomo

....lingue di fuoco alte
sparsi carboni ardenti
vulcani incandescenti....

mi stringi il dito pollice
mi stringi e non t'arrendi
sembra tu voglia dire
di tutto in ció per tutto
ora da noi dipendi.

Ti guardo e ti riguardo
ore per ore ed ore
gli occhi di tua madre
le braccia intenerite
sembrano dita al cielo
puntate sulle nubi
ed oltre il suo velo
sembrava tu urlassi

"ditemi ch'é tutto vero
ora che "sono" anch'io
nel blu del vostro cielo"

Quel giorno fui felice
ero talmente fiero
dimenticando il pranzo
atteso messaggero
di scatti la mia macchina
ne fece piú di uno
le braccia ormai pulite
il ventre di tua madre
le mani mie tremanti
facevano un pugno solo
di questi tre elementi.

Sentivo ció ch'é in cuore
quello che all'occhio é cieco
mettevo a fuoco foto
scattando sul mistero.

Il parto fu doloso
sicur per colpa mia
di notti spese insieme
tua madre compagnia
amando in realtá
la sua correitá.

Del "furto" programmato
gemiti e piaceri
rincorrer i desideri
tra lini avvolti e teli
nasceva la scintilla
di quello che completa
la prova dell'amore
nell'ardua esistenza....

vent'anni son trascorsi
d'un giorno ormai passato
tra tutti i miei discorsi
di ció che puoi
o solo immaginato
rimane solo il sogno
risveglio di mattina
di tante tue illusioni....

non ne hai fatto un'eroina.

Di nuovo nei tuoi occhi
lucenti di capriolo....

corri nella giungla corri....

non arrenderti figliolo.


  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Non sempre fluida ogni tanto inciampavo tra le parole ma,mi è piaciuta molto, complimenti
voto

alidivetro---<-x@

il 24/06/2002 alle 19:07

Molto bello questo ricordo sofferto della nascita di tuo figlio, anche il monito finale, in cui forse è nascosto qualcosa di molto preoccupante, ma spero di non aver capito.
Ciao, con affetto!
Axel

il 24/06/2002 alle 19:22


... corri nella giungla
veloce come un lampo
che il cacciatore segue
e non lo stai perdendo

ma se sarai più furbo
un dì che maturerai
lo farai seguir se stesso
e tu il mondo correrai

Luigi

il 25/06/2002 alle 00:52

mi metto in fila a chi mi ha preceduto per qnt riguarda la lettura. L'argomento merita una nota a parte per l'intensità dei ricordi e per l'augurio finale.
;-)
M'
complimenti

il 25/06/2002 alle 09:31

Ho letto con interesse e piacere questa tua, Antonio, molto bella nella articolata serie di sensazioni ed immagini che offri della nascita e crescita di un figlio. Argomenti seri e coinvolgenti che lasciano a ciascuno spunti di riflessione personalissimi.
Un caro saluto.
Max

il 25/06/2002 alle 16:16

ali, a volte inciampo anch'io, importante é non farsi troppo male e inciampare sempre di meno. ciao e grazie del tuo commento.
antonio

il 03/07/2002 alle 18:10

grazie infinite del tuo commento, Axel. riguardo il finale il senso é chiaro; non bisogna lasciarsi prendere la mano dalle delusioni, specialmente in gioventú perché é facile cadere nei sogni effimeri dell'eroina.
ciao.
Antoni.

il 03/07/2002 alle 18:14

Luigi ti sei risposto da solo. grazie delle righe spese per me.
Antonio.

il 03/07/2002 alle 18:17

Patrizia, grazie per averla gradita.
ciao.
Antonio.

il 03/07/2002 alle 18:30

l'augurio finale é stato eseguito molto bene da mio figlio; non si é rifugiato in nessun tipo di fumogena alternativa.
ciao a presto Pirata.
antonio.

il 03/07/2002 alle 18:33

Max, grazie di aver recepito al 100%100 il mio scritto. qualcuno(chi é perfetto?) non ha capito la mia intenzione di descrivere, nel pensiero verso mio figlio, momenti d'amore avuti con mia moglie nell'intimitá che precede l'orgasmo sessuale con conseguente procreazione. comunque capisco anche che chi scrive veda tutto piú semplice e logico di chi legge.
ciao e.... daró un'occhiata alle ultime tue.
Antonio.

il 03/07/2002 alle 18:42

grazie, Edo, per il corto commento che ci accomuna come padri. da come ho capito hai due figli; ne sono contento e spero ti abbiano dato soddisfazioni non perdendosi per strada.
son curioso di leggere le tue ultime poi mi faró sentire.
ciao.
Antonio.

il 03/07/2002 alle 18:52