PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 22/05/2007
arrivera’ quel giorno e tutti quanti
in fila indiana messi ad uno ad uno

senza vergogna ci mostreremo nudi
con un cartello appeso per il collo

con sopra scritta la destinazione
ai piu’ tremendi quelli piu’ cattivi

violenti, assassini ,vili strupatori
ci sara’ scritto a caratteri cubitali

e d i un colore di un rosso cosi intenso
una grande freccia e a lato scritto inferno

la testa bassa le mani sopra al pube
in fila indiana verso il fuoco eterno.

Sono cattivi ma lo sono meno
anche il peccato ha la sua misura

anch’essi tristi e mestamente in fila
con il cartello con scritto purgatorio

son messi male ma hanno la speranza
che fra qualche secolo un poco di pazienza

la promozione avranno nel girone
quello piu’ bello chiamato paradiso

invece allegri tutti sorridenti
certi di avere quella bella sorte

vedere Dio nella sua bellezza
vivergli accanto per l’eternita’

bianco e’ il cartello come immacolato
una scritta enorme con freccia paradiso

Dal gruppo a lato quello dell’inferno
uno si stacca per avvicinarsi

in tutta quella grande confusione
si porta accanto ad un parasidante

da vivo era grazie ai suoi misfatti
ricco miliardi droga cocaina

e si sentiva potente ed immortale
tutto comprava col sangue del denaro

si avvicino’ e qualcosa nell’orecchio
si scosto’ l’altro ridendo sogghignando

gli disse bello resterai all’inferno
con cosa mi compri ? con quel cartello al collo?
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

assai provocatoria direi. Mi è piaciuta molto. Però parlando inferno e purgatorio e paradiso avresti dovuto scriverla con le rime e il tipo di versi di Dante ;-) ciao

il 22/05/2007 alle 11:07
dck

Permetti, ma il rosso lo lascerei fra i colori Belli.

il 22/05/2007 alle 11:46

grazie elaine non so se sai che mi e' piu' facile scrivere con le rime all'inizio scrivevo solo cosi'
poi visto che non tutti apprezzano ho fatto qualche cambiamento,grazie per il tuo prezioso commento,ciao

il 22/05/2007 alle 11:59

grazie pura gentile come sempre,ciao

il 22/05/2007 alle 12:00

stupendo commento Discri ma sappi che la mia e' soltanto ironia rapportata alla frase finale dove voglio far capire che il maledetto denaro che sulla terra serve a tanto lassu' a prescindere che non ce lo porteremo dietro non serve a nulla,solo ironia
scherzosa Discri mi guarderei bene di offendere chicchesia e a maggior ragione la religione,ciao e grazie

il 22/05/2007 alle 12:03

hai ragione il rosso e' un bel colore e' stata una scelta cosi',ciao e grazie

il 22/05/2007 alle 12:05

assolutamente scusa me che invece probabilmente non ho capito,grazie un caro saluto

il 22/05/2007 alle 12:28

un vero e proprio inno alla giustizia..bello scoprire che c'è chi ci crede ancora!!..piaciuta molto!!!

il 22/05/2007 alle 15:23

io penso che c'e' parecchia gente che ci crede,grazie un caro saluto.

il 22/05/2007 alle 15:30

La tua poetica spazia in più campi, fino a giungere nei regni dell’aldilà.
Sei davvero impegnato, un saluto, mati.

il 22/05/2007 alle 20:43

grazie Mati,gentilissima,ciao

il 23/05/2007 alle 03:59