Pubblicata il 14/04/2007
A volte vorrei essere come te,
oltre il tempo
sopra le sue leggi,
che porta via,
ingiallisce foglie, foto e sorrisi,
che inizia le nostre promesse
e le cancella,
che fa finire un sentimento,
che ci fa affaticare e invecchiare,
ridere e amare,
che racchiude la nostra esistenza.

A volte vorrei essere come te,
sicuro e mai instabile,
avere il passato e il futuro nel presente,
trovare il limite di ogni perfezione,
vorrei passeggiare sul mare,
trovarmi in tutti i bei posti
che non raggiungerò mai,
accarezzare il sole per farlo tramontare,
toccare una stella e farla cadere.

A volte vorrei essere come te,
sovrano e forte
per sondare le profondità del cuore,
vorrei non avere nessun pensiero oscuro,
avere chiaro
sempre
il mio cammino.
A volte vorrei guardare la sofferenza
con i tuoi occhi limpidi e giusti.

Poi penso alla croce,
vedo le tue mani inchiodate,
sento il tuo respiro forte,
la tua voce sofferente,
la potenza del tuo amore
che muore pensandomi...
allora mi inginocchio
e lascio che tu sia Dio,
il mio Signore,
e io
nel mio essere,
semplicemente
uomo.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

E' una delle poesie più belle che ho letto in questi giorni , commento poco io ma quando una poesia mi tocca non poso andare in un altro posto senza dire ad un poeta grazie di avermi fatto emozionare .

il 14/04/2007 alle 18:40

allora ti ringrazio veramente...forse è stato il commento piu sincero che ho ricevuto in questi anni.
vorrei che oltre alla mia semplice poesia, ti facesse emozionare anche il significato profondo dell'amore di Cristo, morto per me, per te e per tutta l'umanità senza speranza di salvezza. Leggi la Bibbia, la Parola del Signore, l'unico vero Dio. Cristo ti vuole donare certezza di vita eterna che nessuna religione ti può donare. Cercalo con il cuore...
con affetto, samuele

il 15/04/2007 alle 18:28

Ciao Samuele , ti ho inviato un messaggio in privato. Ho letto ultimamente molte tue poesie , tutte si basono sull'amore che hai per Dio, io credo che non c'è amore più grande al mondo che possa superare la certezza che Dio esiste. L'Uomo deve fermarsi per un momento e chiedersi ma io cosa faccio per Dio?. Io ti stimo Samuele

il 16/04/2007 alle 17:00