Pubblicata il 29/05/2002

Crescono rughe
e fili d'argento
segni di un tempo spietato
che lo specchio
senza cuore rimanda

scorrono giorni
sul mio calendario
un nuovo numero
diversa stagione

è già finito il vento dell'est
e già il sole ti brucia la pelle

volano fiocchi d'acacia
nell'aria che già sa di estate

un altro anno hai messo in cantiere

resta la nostalgia
di giovinezze passate.

  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Vivere intensamente è il segreto...

bella!

il 29/05/2002 alle 23:19

.. ma sempre le nostalgie resteranno.
Di un tempo dove le stagioni avevano un profumo che non tornerà.

Airon

il 30/05/2002 alle 06:25

Gabriela.

il 09/04/2015 alle 21:43