PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 07/12/2006
Apollonia Berg è una signora
ebrea tedesca nata a Baden Baden.
Abita dal cinquantadue in viale Porpora a Milano.
Ogni vigilia di Natale mi invita a casa sua
dove c'è un presepio piccolo e spartano
sempre uguale ma molto originale.
Al posto di Gesù bambino tra l'asino e il bue
mette una sua fotografia di quand'era ragazzina.
Poi incomincia a raccontare..
Alla vigilia di Natale del quarantaquattro
mia madre mi mandò in campagna
da un' amica sua in un piccolo villaggio
appena fuori Baden Baden..
Nel pomeriggio vennero al paese dei soldati
cercavano l'ebrea appena arrivata..
Però il destino volle che in quel momento
io mi trovassi altrove.
Cercarono i soldati in ogni casa e in ogni stalla
e per tutta la campagna fino a sera
ma la bambina ebrea non fu trovata.
Se ne andarono col buio
forse perchè nella notte di Natale
avevano altro da fare.
Mi nascose il prete in chiesa
sotto un grande presepio vicino all'altare.
Il giorno dopo mi affidò a due vecchie signore
e in casa loro aspettai il ritorno della pace.
Di mia madre e dell'amica sua
nessuno seppe dirmi niente.
Praticamente in quella notte di Natale
io sono nata una seconda volta..
Non le pare? dice sempre la signora.
Per questo io metto nel presepio
al posto di Gesù bambino la mia fotografia!
Purtroppo questa storia non la posso più ascoltare.
La signora ebrea tedesca e morta questa estate.
A dicembre alla vigilia di Natale
Frau Apollonia Berg di Baden Baden
mi mancherà più di ogni altra persona.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Mi sentivo un po' giù e mi chiedevo se fare o meno il presepio...l'hai fatto tu per me. Anche se la storia che ci hai partecipato è triste, rinnova molte speranze. Grazie.

il 07/12/2006 alle 15:55

In ogni presepe a fare da cornice a Gesù Bambino ci sono mille storie di dolore e di rinascita, appartenenti a tutta l'umanità.
Ricordarne qualcuna è motivo per guardare alla grotta come fonte di amore e di speranza.

il 07/12/2006 alle 16:42

un delicato e significativo racconto, davvero nutrito di sentimenti preziosi...saluti francesco

il 07/12/2006 alle 18:18

Grazie per il tuo commento mati.
A presto, alcide.

il 08/12/2006 alle 18:54

Certo che dopo avermi letto la la voglia di fare
il presepio ti sarà passata del tutto!..
Il presepio di Frau Berg non è mai esistito, ma le
speranze si, e si rinnovano sempre.
Ciao Daniela.



il 08/12/2006 alle 19:07

Ti ringrazio Francesco.
Ciao, alcide

il 08/12/2006 alle 19:09

Bella storia, sono spiacente che la signora Appollonia Berg sia morta.Comunque ti ha lasciato bei ricordi, conservali nella mente.A Natale potresti fare il presepe, e mettere la foto della signora Berg, accanto a gesu' bambino , cosi terrai vivo il suo ricordo e tradizione .Un caldo abbraccio.
Chiara

il 10/12/2006 alle 11:47

Da piccola io alla recite ero sempre la Madonna nel presepe. San Giuseppe era il mio amico Mario, sai che me lo infilavano come fidanzato. Mio cugino Franco verso la fine della recita incendiava sempre il presepe appiccicava il fuoco alla carta blu dove erano appicicate mille stelle dorate era il cielo stellato, destava panico.

il 11/12/2006 alle 15:13

UNa bella pagina da tenere in serbo a ricordare la storia della signora Frau Apollonia, nel tuo ricordo della nascita di Gesù Bambino. Speriamo che
questo Natale possa portare gioia nei cuori di tutti e ci sia armonia e pace per tutti. Buon Natale Alcide.Un bacione Dora

il 12/12/2006 alle 01:12

Buon Natale alcide, io vorrei fare la Madonna nel presepio tuo . Buon Natale alla tua famiglia

il 20/12/2006 alle 14:00

complimenti anche per questa tua opera, molto bella.

il 29/12/2006 alle 22:59