PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 26/10/2006
Sola, senza paracadute
in un'infinito cielo
di meraviglie..
Quello che sento e' troppo
pregiato o troppo nascosto tra
le pieghe dei miei ricordi,
chiunque sfiora il mio sentiero
non riesce mai a percorrerlo
fino in fondo....
fino all'intricato
bosco delle mele fatate..
Perche' bisogna sentirsi soli
mentre intorno c'e' davvero tanta
gente che passa e sorride...
si lecca le ferite, si benda e
decide di smettere di lottare...
"Trovero' strade piu' semplici..."
mi sussurrano passando.
E poi si sceglie tutto quello
che piu' semplicemente
si puo' avere...
senza amore...
senza passione....
solo per convenzione.
Ma come potrei specchiarmi
se la mia anima fosse
divisa e roteante....
Mi arrovello per cambiare....
per diventare una donnina
ligia al ricamo...
ma il sangue
sfama la mia anima e
tutti coloro che non perdono
tempo a contar sfumature,
decidono di mettersi in fila
ed aspettare...
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)