Pubblicata il 22/05/2002
Si disperdono avvolte
nel cunicolo sterile
dell'inconscio come
granuli minuti di sabbia
rovente incongrui pensieri
che s'immillano per un
inaudito sortilegio in
oscene immagini perenti
che danzano frenetiche
in un cerchio coatto
di fuoco
sull'immenso palcoscenico
dell'animo.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Complimenti, anche questa poesia ha una sua cifra, uno stile personale con belle immagini che rendono benissimo la tua descrizione dei moti dell'inconscio.
Ciao
Axel

il 22/05/2002 alle 16:08